Apple indaga dopo la scossa elettrica data dal suo iPhone 5

Dopo la sciagura accaduta all’hostess di volo, Ma Ailun, deceduta dopo che il suo iPhone le ha dato una scossa mentre era in fase di ricarica, Apple ha fatto sapere di essere al lavoro per capire cosa possa essere successo.

L’azienda di Cupertino, che si è detta immediatamente dispiaciuta di quanto accaduto e che ha fatto le sue condoglianze alla famiglia della vittima, ha inoltre detto di essere pronta a collaborare con le forze di polizia.

Scossa elettrica da un iPhone in carica, cosa è successo?

Come è stato possibile che un iPhone abbia provocato una scossa elettrica tale da uccidere una persona? Gli smartphone hanno un basso voltaggio elettrico, compreso tra tre e cinque volts, che non è abbastanza per ferire il corpo umano, che avverte degli shock elettrici attorno a 36 volts. Secondo un professore di fisica della Nanjing high school, tuttavia, se il caricabatterie o il circuito hanno un problema, come ad esempio una presa rotta, è possibile che attraverso lo smartphone si propaghi una scaricare elettrica di 220 volts, assolutamente letale.

Ailun aveva acquistato l’iPhone in un negozio ufficiale Apple e lo stava ricaricando, secondo la sorella, con una caricabatteria ufficiale.

Non è la prima volta che una persona viene uccisa da una scaricare elettrica data da uno smartphone. E’ accaduto, sempre in Cina, nel 2010, quando un uomo è deceduto dopo aver ricevuto uno shock elettrico mentre stava ricaricare il suo telefono con un caricabatteria contraffatto.

Attenzione dunque ad usare qualunque oggetto elettrico quando è attaccato alla presa di corrente: secondo Johnny Sin Kin-on, professore presso la University of Science and Technology di Hong Kong, c’è un rischio quando si usa, con il caricabatteria inserito, qualunque tipo di device elettrico, dal rasoio fino allo smartphone.

Via | news.sky.com

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: