iPhone 5S, pochi lettori di impronte digitali. Scorte limitate al lancio

A braccetto con l’iPhone economico, l’altro grande atteso dell’autunno è il nuovo iPhone, sempre più accreditato come 5S.

Indiscrezioni, continue peraltro, delle ultime ore ne descrivono caratteristiche tecniche che dovrebbe avere, quasi tutte già vociferate nel corso delle settimane scorse.

Le nuove caratteristiche tecniche


Innanzitutto il processore più potente (A7, forse quad-core?), quindi veloce, ma anche il display con tecnologia IGZO (indio gallio ossido di zinco) in grado di consumare meno energia per garantire una durata maggiore della batteria (che non dovrebbe cambiare troppo rispetto a quella attuale), la tecnologia NFC (Near Field Communication), fotocamera da 12 megapixel con flash a doppio LED, 2 GB di memoria RAM.

Il lettore di impronte digitali


Altra caratteristica di cui si parla da tempo è il fantomatico lettore di impronte digitali che da diverse parti si vorrebbe introdotto con il nuovo iPhone. Ed è proprio da quest’ultimo che deriverebbero i problemi di approvvigionamento del nuovo smartphone della mela. Pochi pezzi al lancio a causa del limitato numero di lettori disponibili. Un classico per quanto concerne lo smartphone con la mela che, a fronte di un numero impressionante di richieste nel momento in cui esce, riesce a essere consegnato con il contagocce.

Pochi pezzi al lancio di settembre


La produzione dovrebbe comunque iniziare alla fine del mese in corso, tempo utile per poter avere un primo lotto disponibile per la fine del mese di settembre, purtroppo decurtato di 3 milioni di pezzi a causa dei ritardi di cui abbiamo detto. Difficile, quindi soddisfare la prima, massiccia, richiesta del weekend 1 per i mercati di fascia 1 e 2 (in cui c’è anche l’Italia).

Via | 9to5Mac

  • shares
  • Mail