Chromecast, Google snobba BlackBerry e Windows Phone

Google ha presentato di recente Chromecast, una chiavetta USB in grado di riprodurre sulla TV di casa propria i contenuti multimediali che si hanno sui computer, sugli smartphone o sui tablet.

Come funziona Chromecast?

Praticamente, questa chiavetta, alimentata tramite USB, può essere inserita nell’ingresso HDMI della TV e, collegandosi alla rete WiFi, permette di riprodurre contenuti multimediali. Nulla di innovativo, ma qualcosa di assolutamente semplice.

Google ha fatto sapere che Chromecast è compatibile con iPhone, iPad e ovviamente con tutti i dispositivi (tablet e smartphone) Android. BlackBerry e Windows Phone sono invece stati esclusi.

Effettivamente, se si guardano ai numeri del mercato si nota come iOs e Android hanno oltre il 90% del settore smartphone. Da un lato vediamo iPhone 5 come uno dei smartphone più venduti al mondo (addirittura le vendite di questo device sono aumentate, alla faccia delle critiche), dall’altro vediamo Android come l’OS mobile più usato in assoluto. Agli altri rimangono solo le briciole, che Google non prende minimamente in considerazione.

Si tratta di una decisione che non è nuova da parte dell’azienda di Mountain View: basti pensare che app come Chrome per Mobile e Google Maps non sono ancora presenti nel BlackBerry World e nel Windows Phone Marketplace.

BlackBerry e Nokia, nonostante tutto continuano a lavorare duramente

L’azienda canadese e quella finlandese (che praticamente è stata l’unica ad aver puntato tutto sul sistema operativo mobile di Microsoft) continuano, nonostante tutte le difficoltà, a lavorare duramente per cercare di recuperare il terreno perduto. Le ultime novità ci hanno portato il BlackBerry Q5 (che abbiamo messo a confronto con l'HTC One Mini) e il Nokia Lumia 1020.

Via | news.cnet.com

  • shares
  • Mail