Perché BlackBerry ha bisogno di uno smartphone di fascia bassa

BlackBerry ha recentemente presentato il suo Q5, device di fascia media che è un po’ il fratello minore del BlackBerry Q10, uno dei due device di fascia alta della casa canadese.

Se si entra un po’ più in profondità, si nota come l’azienda con sede a Waterloo abbia disperatamente bisogno di un device di fascia bassa per poter rimanere competitiva nel mondo.

BlackBerry e gli smartphone di fascia bassa

E’ interessante notare come il 3% di utenti BlackBerry nel mondo sia situato in Nigeria. Addirittura il 18% si trovi in Indonesia (paese che, secondo TechinAsia, ha circa 15 milioni di utenti BlackBerry). Si tratta di due esempi concreti di come l’azienda canadese sia sempre più dipendente dai mercati emergenti: Africa, Medio Oriente e sud est dell’Asia. La presenza in altri mercati di grandi dimensioni, come India e Cina, è decisamente irrisoria, tanto che il mantenimento della posizione in Indonesia, Filippine e Malesia è fondamentale per la sopravvivenza stessa dell’azienda.

Qui il punto: come potrà l’azienda sopravvivere contro i concorrenti se non ha a disposizione un device di fascia bassa che possa fare concorrenza (anche sul prezzo) ai vari smartphone Android da 100 euro che sta letteralmente “inondando” il mercato? Ricordiamo che lo smartphone attualmente meno costo di BlackBerry è il Q5, che però costa 399 euro.

Ecco dunque che diventa quasi fisiologico riuscire a mettere in campo uno smartphone che sia tecnicamente alla pari con i device Android ed in grado anche di competere sul prezzo.

Considerando che l’unico obiettivo noto per il 2013 di BlackBerry è un altro device di fascia alta (il BlackBerry A10), la strada sembra sempre più in salita.

Via | bgr.com

  • shares
  • Mail