Motorola Moto X, rivelati i dettagli del sistema X8

Il Motorola Moto X che verrà presentato fra poche ore, utilizza un’unità computazionale del tutto particolare, progettata da Motorola. Il sistema X8 non è un SoC ma combina un processore Snapdragon con altri due processori dedicati.


Foto Motorola Moto X
Al Motorola Moto X manca ormai poco per arrivare al traguardo. Il nuovo anticipato smartphone di Motorola è stato svelato in quasi ogni sua parte e la compagnia ripone ovviamente molta fiducia nel prodotto che viene presentato come il primo smartphone progettato ed assemblato negli Stati Uniti.

Motorla sembra aver curato ogni minimo dettaglio, affidandosi solo in parte alle componenti attualmente più diffuse. L’unità computazionale del Moto X, la stessa presente anche nei più recenti smartphone DROID, ha ricevuto particolare attenzione. L’X8 non è un semplice system-on-chip, ma combina diversi elementi tra di loro.
Se guardate il sistema computazionale mobile X8, possiede un gruppo di processori e poi alcuni elementi separati del sistema. L’obbiettivo è quello di allontanarsi dall’architettura principalmente basata sulla CPU per risparmiare energia ed ottenere un computing probabilistico intelligente.

Il processore


All’interno troviamo una CPU con processo a 28nm Qualcomm S4 Pro a 1,7GHz il cui firmware è stato modificato per creare una perfetta integrazione hardware-software e migliorarne le performance ed il risparmio energetico.

A questo sono associati altri due core, un “contextual computing processor” ed un “natural language processor”. Il primo si occupa di gestire i sensori, il display e le interazioni touch nonché gli aggiornamenti agli stati e le notifiche quando lo smartphone è in modalità standby, mentre il secondo gestisce audio, stima del rumore e cancellazione del rumore.

Il tutto aumenterebbe le performance ed il risparmio energetico garantendo risultati che secondo il vice presidente senior della sezione di ingegneria di Motorola sono migliori del 50% rispetto a quelli della concorrenza. Questo tipo di soluzione, aggiunge, può essere attuata con qualsiasi altro processore Qualcomm o di altri costruttori.

Via | Phonearena.com

  • shares
  • Mail