Altro iPhone 5 esplode in Cina ferendo una donna

Ancora un iPhone 5, ancora una volta in Cina e di nuovo un’esplosione che ha coinvolto una donna.

iPhone 5 explosion China

 

Sembra non avere fine l’epopea degli smartphone che recano danni a loro proprietari tra esplosioni, incendi e scosse elettriche, tutti episodi di cui abbiamo trattato abbondantemente le scorse settimane.

Il carica batteria non c'entra


La campagna di ritiro dei carica batteria non originali indetta da Apple negli USA e in Cina questa volta nulla avrebbe potuto contro l’esplosione di un iPhone 5, avvenuto come detto in Cina a una donna che lo aveva utilizzato per una chiamata telefonica di circa 40 minuti.

I fatti


Divenuto molto caldo la donna avrebbe voluto interrompere la conversazione ma il touch screen del telefono non rispondeva ai comandi. Dopo pochi secondi il vetro è andato in frantumi, ferendo la donna agli occhi. Qualche tempo prima la donna aveva danneggiato lo smartphone che le era caduto, come spesso accade, rovinandosi proprio in corrispondenza della successiva esplosione ma senza, prima di questo spiacevole episodio, aver dato alcun altro segno di malfunzionamento.

Nessuna conseguenza ma Apple vuol vederci chiaro


Per fortuna la donna è stata immediatamente soccorsa e all’ospedale l’hanno prontamente medicata, senza che ci siano conseguenze permanenti dell’accaduto. L’azienda americana Apple ha già dato il via a un’indagine per stabilire quali siano le cause dell’esplosione che, almeno in questa circostanza, non sarebbero da ricercare nell’utilizzo di accessori pericolosi prodotti in economia da terze parti ma dall’errato utilizzo del dispositivo. Probabilmente nei prossimi giorni avremo il resoconto dell’investigazione.

Risposte doverose a pochi giorni dall’arrivo del nuovo modello dato che una pubblicità troppo negativa, specialmente se le reali cause non dovessero essere accertate, che potrebbe causare un contraccolpo nelle vendite che prenderanno il via verosimilmente alla fine del prossimo mese.

Via |KnowYourMobile

  • shares
  • Mail