Display 3D mobili. Dopo Motorola, è la volta di Sharp!

Sembra proprio che una delle prossime innovazioni tecnologiche, su cellulare, sia destinata ad essere quella dei display tridimensionali. E' così che, dopo la notizia riguardante Motorola, è ora la volta di questa, avente per protagonista principale Sharp. La società giapponese ha infatti annunciato che, a partire da Settembre, inizierà a costruire piccoli display a cristalli liquidi 3D, per il cui utilizzo non è necessario alcun tipo di occhiali speciali.

Il produttore nipponico ha talmente fiducia nel proprio prodotto da pensare che, per la fine del prossimo anno fiscale (marzo 2012), circa la metà dei telefoni cellulari potrebbe implementarlo. Secondo chi lo ha provato, come i giornalisti del Financial Times, l'effetto tridimensionale, generato da un fascio di luci gestite in modo tale da colpire differentemente l'occhio destro e sinistro, dando dunque l'impressione della profondità, funziona solo solo se si guarda lo schermo in maniera diretta ad una distanza di non più di 30cm. Cosa questa che non è comunque un problema insormontabile, nel caso di un cellulare. Le specifiche ufficiali del display, apparse in una press release sul sito giapponese di Sharp, parlano di touchscreen, risoluzione di 480x854 pixel, luminanza di 500 cd/m2 e 1000:1 di contrasto.

Che ne pensate? Secondo voi questa tecnologia avrà successo, su cellulare, oppure siete d'accordo con Jared Newman di PcWorld, secondo cui l'utilizzo tipico in mobilità è abbastanza incompatibile con i requisiti parecchio stringenti necessari alla visione 3D, e l'utente medio finirà quasi sempre per utilizzare lo switch che riporta la visione a 2D, di cui lo schermo Sharp prudentemente dotato?


[Via The Wall Street Journal]

  • shares
  • Mail