Touch ID, 50mila dollari a chi supera la sicurezza del sensore

Volete guadagnare 50mila dollari sudandoli? Provate a violare la sicurezza di Touch ID

Touch ID

Non c'è bisogno delle presentazioni: sappiamo tutti che Touch ID è una delle novità più interessanti di iPhone 5S, anche se forse non molto utili, visto che non tutti sfruttano tale tecnologia; per chi non lo sapesse, parliamo di un sensore che, integrato sotto il tasto Home, è in grado di leggere le impronte digitali, garantendo all'utente non la massima ma comunque un'ottima sicurezza.

L'iniziativa di cui vi stiamo per parlare servirà proprio per verificare quanto di attendibile ci sia nel lavoro di Apple, soprattutto dopo che Tim Cook ha giudicato i suoi prodotti "di grande qualità", opponendo iOS 7 ad Android e giudicando quest'ultimo "una robaccia". Dite che riusciranno a violare la sicurezza e a portarsi a casa ben 50mila dollari? Secondo noi, è quasi impossibile, visto che si tratta di un sensore studiato per sbloccare il cellulare, effettuare acquisti su Apple Store, iTunes e così via: una sua falla, dunque, sarebbe inconcepibile.

Per questo motivo, in effetti, Apple ha deciso di non distribuire le API agli sviluppatori, che comunque potrebbero entrarvi in possesso a partire dal prossimo anno: in fin dei conti, un sensore del genere, per quanto sia rischioso fornire dati troppo sensibili, dovrebbe poter essere sfruttato al meglio.

50mila dollari al più bravo

Il gruppo di utenti che ha organizzato l'iniziativa sembra non essere interessato, però, alle novità: l'obiettivo è quello di testare davvero il sensore e verificare se la Mela Morsicata ha lavorato nel migliore dei modi (non abbiamo dubbi, a dire il vero, ma in questi casi le certezze vanno ben messe da parte); dopo aver creato, infatti, il sito Istouchidhackedyet, hanno offerto i già citati 50mila dollari a chi si dimostrerà in grado di bypassare il sistema. Ci riusciranno, secondo voi?

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO