HTC, 2013 pessimo per la compagnia (che però può farcela)

Una situazione difficile per HTC, che comunque può ancora farcela

foto htc one

Come ben tutti sapete, il 2013 è stato un anno difficile anche per HTC: le uniche compagnie che hanno prodotto utili signficativi nel settore mobile sono state le solite Apple e Samsung, anche se pure quest'ultima - a causa degli smartphone top gamma - ha fatto registrare un considerevole calo dei guadagni.

La situazione di HTC è stata critica sin dall'inizio del 2013, quando la compagnia ha fatto registrare i conti in rosso, allarmando tutti i fan; la situazione è poi migliorata nei trimestri successivi grazie ad HTC One, che è davvero un bel telefono, anche se un difetto imperdonabile avrebbe potuto costargli caro: parliamo, ovviamente, non solo della non espandibilità della memoria, ma anche della non estraibilità della batteria (situazione che dovrebbe cambiare con il nuovo top gamma).

I risultati finanziari del quarto trimestre non sono affatto incoraggianti: la perdita opreativa ha toccato i 52 milioni di dollari, che comunque sono di gran lunga inferiori - a dire il vero, la metà - rispetto a quelli persi nel trimestre precedente: 101 milioni, per l'esattezza. A migliorare notevolmente la performance aziendale sono state le vendite di Beats Audio, il cui aumento ha fruttato, penate, circa 85 milioni di dollari.

I conti, insomma, non sono per niente a posto, anche se ci sono abbondanti margini di miglioramento: il fatto che la perdita sia diminuita nel quarto trimestre, per esempio, la dice lunga, perché HTC One è stato lanciato nei mesi precedenti e questo vuol dire che la compagnia ha fidelizzato un maggior numero di utenti. Il 2014 pone nuove sfide alla compagnia, che risponderà senz'altro positivamente con la qualità dei suoi prodotti: lo speriamo, almeno...

  • shares
  • Mail