I vantaggi della morte di Kin per Windows Phone 7

Microsoft Kin

Oggi, primo giorno di Luglio, la blogosfera accantona per un attimo l'iPhone e si dedica a Microsoft. Kin è morto, questi i titoli che si rincorrono anche se, leggendo oltre i proclami, Kin è ancora vivo ed è "morto" solo il progetto di portarlo in Europa.

Tra sfottò, parole di indifferenza e sincere "condoglianze", arriva una voce fuori dal coro che sostiene una tesi particolare: la morte di Kin farà bene a Windows Phone 7.

Premesso il mio personale disappunto per la politica di silenzio di Microsoft dettata da un lancio troppo ritardato (si parla dell'Autunno), Surus di wmpoweruser non ha poi tutti i torti sul primo punto della sua tesi: senza Kin Microsoft può dedicarsi al sistema operativo, così da non subire la concorrenza hardware degli altri produttori.

Un altro vantaggio è la riduzione della "distrazione" della blogosfera: troppi sistemi operativi, meglio focalizzarsi su Windows Mobile 7. Meno distrazioni anche per Microsoft che, si spera, concentrerà tutti gli sforzi per rendere Windows Phone 7 una piattaforma in grado di competere a livello di qualità e risultati di mercato con Android e iPhone.

Infine, per non sprecare il lavoro fatto su Kin, si potrebbero portare KIN Studio in ambiente WM7.

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: