HTC perde una causa (la terza) contro Nokia, bloccata vendita dispositivi in Germania

Terza causa persa per HTC: ancora una volta a vincere è Nokia

Una bruttissima notizia per HTC, e non è neanche l'unica in questo ambito: la compagnia ha perso un'altra causa contro Nokia, a causa della violazione di alcuni brevetti. La decisione è stata presa dal tribunale tedesco e riguardava per la precisione il brevetto EP 1578613 B1 di Nokia, che descrive il modo in cui uno smartphone interagisce con le reti più vecchie, dunque un protocollo di rete; si tratta di un brevetto che sfruttano parecchi dispositivi e che quindi ha causato un bel po' di problemi alla compagnia.

La corte, infatti, ha deciso di bannare dal mercato tutti gli smartphone che violano il brevetto (brevetto che, ovviamente, non fa parte dei cosidetti SEP 'Standard Essential Patent', cioè di quelli che devono essere per forza dati in licenza): non è stato specificato quali siano questi dispositivi, ma, a prescindere dalla quantità, la reazione di HTC non deve essere stata per niente positiva.

La compagnia, in effetti, ha già perso due cause contro Nokia, di cui quella per il brevetto europeo EP 1148681, che copriva il "trasferimento di informazioni sulle risorse" via Bluetooth o NFC (per esempio, Android Beam, che è presente su tutti i dispositivi della società e che potete vedere nel filmato pubblicato in apertura); la perdita di questo brevetto, pensate, ha fatto scattare non una misura cautelare ma un bando permanente di tutta la linea One dallo stato. La terza causa riguardava la connessione del cellulare via USB a un computer e anche questa, come si diceva, è stata persa da HTC.

A tutto questo dovete aggiungere che HTC dovrà pagare pure i danni a Nokia, anche se la decisione non è stata presa in questo procedimento: tutto sarà discusso in futuro con un processo separato. Già HTC non sta passando un bel periodo economico-finanziario: questi problemi ulteriori non faranno altro che aggravare la sua crisi. Come reagirà la società?

Via | GSM Arena

  • shares
  • Mail