One Plus One prezzo al di sotto dei 500 dollari

Se state aspettando con trepidazione l'OnePlus One ebbene sappiite che il suo prezzo sarà inferiore ai 500 dollari: ottima notizia proveniente direttamente dall'azienda cinese

OnePlus

Dopo le diverse notizie che hanno riguardato l’Oppo Find 7, torniamo a parlare di costruttori cinesi con il vizio di CyanogenMod, in questo caso proprio il suo partner hardware OnePlus. È stato Pete Lau in persona, il CEO dell’azienda, a lasciarsi andare su Google+, il noto social network di Big G, anticipando che il prossimo, e primo, terminale dell’azienda, realizzato in collaborazione proprio con il cucinatore di ROM CyanogenMod, avrà un prezzo inferiore ai 500 dollari.

Stessa politica di prezzo che adotta Big G con i suoi Nexus, quindi: un terminale che viene annunciato come il miglior Android di sempre, con un sistema operativo dedicato e feature esclusive, proposto all’equivalente di circa 365 euro.

Supporto alle reti LTE di tutto il mondo, come abbiamo visto, e una serie di dotazioni hardware e software che fanno aumentare l’attesa in modo davvero enorme, pur sapendo che lo vedremo solo entro la prima metà dell’anno in corso, facilmente il prossimo mese di giugno.

Completamente libero e non troppo costoso


Nessun blocco di operatori, nessun contratto da sottoscrivere, solo uno smartphone da acquistare, in cui inserire la propria SIM Card e prenderà il via una nuova esperienza, sempre che dalla Cina le aspettative e le promesse vengano davvero mantenute.

Sarà un anno in cui i prezzi, una volta ancora, sono destinati a scendere ulteriormente, tanto che anche il nuovo Samsung Galaxy S5 - in commercio tra poche settimane, pare - potrebbe essere venduto a una cifra inferiore a quella che si potrebbe attendere da un modello al top.

In tutto questo c’è molta colpa dei cinesi d’assalto, non solo OnePlus o OPPO e Meizu e Xiaomi, senza dubbio, che da qualche mese a questa parte propongono, anche nel mercato europeo, modelli di grande impatto che però sono venduti a prezzi più che interessanti.

Via | Google+

  • shares
  • Mail