Android: una crescita impareggiabile?

dati di mercato android

Canalys ha pubblicato un report che offre una interessante visione d'insieme sul mercato mobile nel 2010, con particolare attenzione al secondo trimestre di quest'anno. Sembra che le statistiche di altre compagnie come IDG e Gartner, oltre a quelle offerte dagli stessi produttori di cellulari, risultino lievemente differenti da quest'ultima analisi. I numeri che potete vedere nella tabella in apertura si riferiscono allo share sul mercato globale.

Il mercato di Android sarebbe cresciuto addirittura dell'886% nel solo secondo trimestre del 2010, paragonato con lo stesso periodo del 2009. Nel secondo trimestre del 2009, infatti, Android aveva una presenza sul mercato degli smartphone pari al 2.8%.

Quest'anno Android ha venduto oltre un milione di terminali, la maggior parte di essi risultano essere HTC Dream/G1. Android 1.5 è stato realizzato nel secondo trimestre del 2009, ma alla fine di Giugno solo due modelli di telefono potevano avere la nuova versione dell'OS, il Samsung i7500 Galaxy e l'HTC Magic. Android 1.6 è uscito poi nel Settembre successivo, quando il sistema operativo iniziava ad essere stabile ed interessante per l'adozione di massa, con un incremento dei terminali interessanti sul mercato.

Al momento Android è solo lo 0.9% lontano dal sistema operativo BlackBerry di RIM, che probabilmente supererà a breve. Windows Mobile ha iniziato il suo declino nel mercato mobile molto tempo prima. La crescita di Android, per quest'anno, lascia prevedere grandissimi numeri e prestazioni ancora migliori per il prossimo trimestre.

Forse, il calo di interesse nei confronti di Android potrebbe avvenire nel 2011 qualora Google non realizzasse nulla di nuovo con Android 3.0 Gingerbread, ma i rumor fino ad ora diffusi sembrano confermare il contrario: le novità dovrebbero essere tante, con una interfaccia utente completamente ripensata e tante piccole migliorie.

Qualsiasi altro sistema operativo mobile ha perso quote di mercato in questo secondo trimestre del 2010. A voi le ulteriori riflessioni.

[Via Canalys]

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: