Windows Phone offerto a costo zero ai produttori indiani, Microsoft insiste sugli emergenti

Essendo l'India un paese emergente, Microsoft ha pensato bene di offrire a costo zero il suo Windows Phone ai produttori

Sappiamo bene che Microsoft e Windows Phone non occupano ancora una quota importante del mercato smartphone e tablet, ma questo non vuol dire che il futuro sia destinato a rimanere invariato (d'altra parte, pure Android, che oggi è al 65%, è partito dal basso, persino da un rifiuto, che è stato poi quello di Samsung, oggi primo produttore al mondo di smartphone con il Robottino Verde: strano il destino, eh?). Ecco perché il colosso di Redmond sta facendo il possibile per sbloccare altre quote di mercato, possibilmente in paesi che lo consentono ancora, come quelli emergenti.

Ricordiamo che fra i principali mercati di questo tipo spiccano non solo il Brasile e tutta la Cina - basti pensare alle pressioni che ha fatto Apple su China Mobile al fine di arrivare a un accordo per il lancio di iPhone - ma anche l'India, dove i dispositivi di fascia bassa sono molto popolari: ecco perché proprio qui Microsoft avrebbe pensato bene di lanciare Windows Phone a costo zero per tutti i produttori locali (Lava, Karbonn etc.); ciò vuol dire che le società non dovranno pagare alcun canone per accedere al sistema operativo e che potranno installarlo gratuitamente sui propri cellulari.

Il ruolo di Nokia X nei paesi emergenti


windows phone

Anche se Microsoft sta facendo il possibile per diffondere Windows Phone, dubitiamo che in questi paesi i telefoni più venduti saranno i suoi, visto che, per poter funzionare bene, il sistema operativo di Redmond ha bisogno di un hardware più performante rispetto a quello di cui necessita Android; ma per questo non ci sono problemi: esistono Nokia X, Nokia X+ e Nokia XL, no?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: