Ex manager Nokia: il mio team ha proposto 500 cambiamenti alla UI Symbian, nessuna presa in considerazione. I retroscena di Nokia.

facepalm

Vi abbiamo raccontato come Stephen Elop abbia iniziato il proprio lavoro come CEO di Nokia la scorsa settimana, come primo uomo non finlandese a ricoprire quel ruolo nella compagnia da oltre 140 anni. Mentre qualcuno attende che Nokia recuperi il terreno perso sul mercato mobile, tre ex dipendenti escono allo scoperto dichiarando come la struttura manageriale della compagnia sia assolutamente terribile, inadeguata ai tempi moderni in quanto basata sulla formula che la portò al successo nei lontani anni '90, senza sostanziali cambiamenti nell'era degli smartphone, dei software avanzati e dei servizi inclusi. Questo sarebbe il principale motivo del declino di Nokia, almeno secondo tre protagonisti.

Il primo a parlare fu Ari Hakkarainen, uno dei manager responsabili di pubblicizzare le capacità di sviluppo della Series S60 nell'anno 2004. In quell'anno la compagnia aveva un prototipo dotato di piena connettivit Internet e di un display touch molto grosso in un momento in cui il pubblico non conosceva il potenziale dei display touch, erano piuttosto costosi da produrre e costituivano un potenziale rischio economico per Nokia. "Come al solito i manager Nokia lo hanno ucciso", rifiutando la produzione del prototipo. Non finisce qui: Ari rivela come nello stesso anno girasse una demo di uno store online con categorie di applicazioni, simile all'odierno App Store.

Kai Nyman, l'ex responsabile Nokia per la strategia d'impresa, ha poi rivelato:

C'erano a disposizione tanti anni per migliorare Symbian, avremmo potuto riscrivere l'intero codice diverse volte. Avevamo le risorse e le persone giuste. Ma non lo abbiamo fatto.

Parla infine un altro manager, Juhani Risku, colui che ha lavorato sul design dell'interfaccia utente di Symbian dal 2001 al 2009: lui e la sua squadra avrebbero segnalato ben 500 miglioramenti alla UI di Symbian, ma nessuna è stata presa in considerazione. Risku avrebbe lasciato Nokia perchè frustrato dalla burocrazia interna in "stile Soviet".

In un momento delicato per Nokia, queste rivelazioni non fanno che confermarne i punti deboli, lasciando aperte le discussioni sul motivo di tanta reticenza a guardare avanti e "lanciarsi" con meno remore. L'immagine in apertura, gentilmente presa in prestito alla fonte, restituisce l'espressione che probabilmente gli utenti Nokia avranno dopo aver letto queste dichiarazioni, il noto "facepalm".

[Via IntoMobile]

  • shares
  • Mail
35 commenti Aggiorna
Ordina: