Xiaomi aumenta i guadagni del 150%: successo strepitoso per l'azienda

Continua il grande successo di Xiaomi nel mercato cinese: l'azienda ha aumentato il suo guadagno del 150%

Grande soddisfazione per Xiaomi, che continua a superarsi di mese in mese: oggi apprendiamo, infatti, che l'azienda ha venduto circa 26.1 milioni di smartphone nei primi sei mesi del 2014, migliorando non poco le performance di vendita generali; a comunicare tutto è stato l'amministratore delegato Lei Jun, che ha confermato un fatturato pari a 5.3 miliardi di dollari, per una crescita pari al 149% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Sono dati significativi - è inutile negarlo -, visto che l'azienda non opera in tutto il mondo e, soprattutto, considerando il fatto che non è certo fra i marchi più blasonati.

Ma vediamo i dettagli: nei primi tre mesi del 2014, Xiaomi è riuscita a vendere undici milioni di telefoni, quantitativo che è cresciuto notevolmente nel secondo semestre e che sembra essere destinato ad aumentare ancor di più; i piani dell'azienda, infatti, erano quelli di inviare quaranta milioni di unità nel 2014; questi quaranta sono poi diventati sessanta e potrebbero arrivare fino a cento nel prossimo anno. Cifre da urlo, insomma, che ci sorprendono non poco, nonostante Xiaomi abbia sempre fatto parlare positivamente di sé negli ultimi mesi.

Ecco cinque accessori per smartphone che ti piaceranno

Xiaomi terzo produttore in Cina: battuta Apple


mercato cina smartphone

Ma non è finita qui; torniamo indietro di qualche mese, precisamente a maggio: il fatto che Xiaomi sia terzo produttore in Cina - era emerso proprio questo il 9 maggio - non va sottovalutato: stiamo parlando di un mercato in forte espansione in cui non c'è ancora un'azienda che domina su tutte le altre; se date un'occhiata al grafico a torta proposto qui sopra, troverete un 19% attribuito ad altri produttori non meglio precisati: si tratta, ovviamente, di aziende locali che non competono con i marchi più noti sulla scena internazionale.

La ricerca che vi proponiamo è firmata Counterpoint Research, è stata riportata da Korea Herald e mette in evidenza che, se Samsung ha confermato la sua posizione, con Lenovo seconda, è Xiaomi quella a far parlar meglio di sé: nei primi tre mesi del 2014, infatti, la compagnia è riuscita a toccare l’11% di market share, superando persino Apple, che è al 10% come Coolpad.

E le previsioni in vista del secondo trimestre di quest'anno erano ancora migliori:

"Durante questi tre mesi, Xiaomi è uscita dalla Cina ed è arrivata su mercati come Singapore, in cui ha lanciato i suoi device con tutti i tre maggiori operatori. Il secondo trimestre 2014 potrebbe essere molto importante per l'azienda, qualora riuscisse a mantenere i propri numeri in patria in un momento in cui si concentra sui mercati internazionali".


Il futuro di Xiaomi


In effetti, è proprio così: se Xiaomi dovesse riuscire a conquistare altri mercati dell'Asia - com'è sua intenzione fare, lasciando a bocca asciutta l'utenza europea - senza per questo perdere market share in Cina, state certi che Apple, Samsung e il resto dei produttori avranno di che temere. Per il momento sta andando tutto alla grande, visto che top gamma come Xiaomi Mi3 vengono venduti a prezzi davvero ridicoli; staremo a vedere se la società di Hugo Barra, ex di Google, continuerà a volare alto.

Via | Phone Arena | Korea Herald

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: