L'app della settimana: Yo, l'app che manda un solo messaggio

Yo è certamente una delle app più stupide che abbiamo mai avuto modo di vedere. È una notifica push che spedisce un solo messaggio ad amici, partner e conoscenti: "Yo".

Yo, l'app che dice solo una cosa

Yo fa una sola cosa, e dice una sola cosa. “YO” è tutto quello che comunica ai nostri amici, apparentemente. Secondo il creatore di questa app, che per quanto stupida ha avuto più di un milione di download e una iniezione da un milione di dollari dai venture capitalist, uno Yo può in realtà convogliare un certo quantitativo di informazioni utili derivanti dal contesto.

Dite che ha torto? Uno Yo alla vostra fidanzata può essere un buongiorno sbarazzino, o un vero insulto sanguinoso se ci avete appena litigato. Un amico può spedirvi uno di questi micro-saluti per ricordarvi che dovete venire a giocare alla partita o, se non c’è nulla in programma, per chiedervi se è tutto ok. Basta rispondere con uno Yo - alla fine con molti amici vi esprimete per lo più a gesti e grugniti, giusto?

Leggi anche: cambia il volto di Android con Nokia Z Launcher

Un vero e proprio servizio lo sta già usando - Yo WORLDCUP - per segnalare con uno Yo i goal del Mondiale, ma immaginate solo cosa potrebbe voler dire per un abitante del Midwest americano se gli arriva uno Yo dal servizio di allarme uragani.

Diciamo, insomma, che lo sviluppatore Or Arbel ha in un certo senso ragione, anzi, ha appena dato un significato al termine “context sensitive”. E sembra pure prendere sul serio il suo lavoro, anche se la maggior parte degli utenti non lo sono per nulla. Se andate a guardare le recensioni, vi garantisco, vi sbellicherete.

Come funziona


Non diventerete pazzi per il setup di Yo, ve lo garantisco. Basta scaricarlo da Google Play Store (è una app “agnostica”, c’è anche su iOS), stabilire il proprio nick e invitare gli amici.

Una volta aggiunti alla nostra lista - semplici nomi su un background colorato - sono tutti disponibili ai nostri Yo. E loro possono mandare Yo a noi, ovviamente. E se siamo stufi di loro possiamo bloccarli o fare unsubscribe in un attimo.

Sta all’utente decidere cosa vuol dire questa comunicazione, ovvio. Quando riceviamo o spediamo uno Yo non dobbiamo cercare, leggere o fare nulla. Sappiamo solo da chi viene. Finchè non ne saremo sommersi, fino a quando gli Yo non diventeranno una massa informe e fastidiosa, allora questa app avrà senso, per quanto stupida, perversa e contorta sia.

  • shares
  • Mail