App della settimana: Jiffy, per tenere conto del tempo impiegato in un progetto

Volete sapere quanto tempo avete impiegato lavorando a un progetto? Anche se non siete degli artigiani o dei professionisti una app come Jiffy può tornare davvero utile.

Immagini di Jiffy, app per il timekeeping

Ci sono cose che non è proprio il caso di calcolare ad occhio, e il tempo impiegato a lavorare ad un progetto è una di esse. Non occorre che siate degli artigiani o dei professionisti, anche se siete degli studenti o se lavorate dalle 9 alle 17 a una scrivania (esiste ancora qualcuno così?) sapere quanto tempo mettete per completare un lavoro è un dato estremamente utile.

Jiffy è una app per Android che si occupa proprio di questa mansione, e lo fa anche grazie ad un design invitante e una certa facilità d’uso che rende molto soddisfacente tenere conto delle ore impiegate sul lavoro.

LEGGI ANCHE: Sunrise, il calendario migliore per Android?

Chiaramente la produttività non si calcola né a tempo né a metro, ma avere dei dati nero su bianco è comodo. L’interfaccia di Jiffy è proprio così: minimale e chiara, pulitissima - come se fosse stata appena lucidata. Gli elementi dell’interfaccia sono azzurrini, come ad esempio i grafici che illustrano a colpo d’occhio quanto tempo avete impiegato per ciascuno dei vostri progetti.

I progetti stessi sono invece resi individuali da etichette coloratissime, quasi acide, ma non invadenti perché gli elementi vivaci sono comunque limitati nello spazio occupato all’interno dell’interfaccia.

Per usare Jiffy ci vuole molto poco. Basta toccare un progetto per avviare il timer. Toccatelo una seconda volta e avrete fermato il tempo. Niente messaggi di avviso - non si tratta dopo tutto di conti alla rovescia missilistici, è importante irritare il meno possibile l’utente con dialoghi burocratici, non essere precisi al centesimo di secondo. I timer avviati per meno di un minuto vengono scartati - Jiffy parte dal presupposto che si tratti di un errore. Per finire i timer possono essere fermati dal centro notifiche, un po’ come le canzoni di Spotify.

Per controllare come avete usato il vostro tempo nelle giornate, potete andare alla modalità History e vedere tutto presentato in una visuale a calendario, oppure in un riassunto con grafici a torta.

Conclusioni


Jiffy è una app relativamente nuova. Manca il supporto per l’Italiano e i dati non possono essere esportati in maniera efficiente. Ritengo che sia assolutamente necessario fare in modo che questa app dialoghi con cose come Google Calendar, per fare un esempio.

Jiffy esiste in versione gratuita, ma può essere espanso per un paio di euro, in modo da non avere limiti al numero massimo di progetti.

  • shares
  • Mail