Samsung Galaxy S5 e S Health: una prova completa di smartphone e funzioni fitness

Ho provato il Samsung Galaxy S5 e la sua app S Health. Le funzioni di fitness tracking si uniscono a un "life coach" che suggerisce "missioni" per cambiare le nostre abitudini meno salutari.

Immagini del Samsung Galaxy S5 e della sua app S Health

La vita con il Samsung Galaxy S5 scorre piuttosto tranquilla. Nessuno che abbia mai avuto uno smartphone potrebbe mai dire che l’S5 abbia la possibilità di cambiare la sua esistenza: non si tratta di un balzo avanti tecnologico, solo di una nuova generazione di un prodotto che inizia a essere perfetto.

L’ammiraglia di Samsung è davvero un re tra gli smartphone. Affidabile, risparmioso e durevole a livello di batteria, dotato di un display incredibilmente definito, robusto e persino a prova d’acqua. Nonostante le sue dimensioni non risulta essere scomodo o difficile da portare in giro, e sebbene al giorno d’oggi non sia più di moda commentare sulla velocità di processori e quantità di RAM, posso dire che non esiste una singola operazione, applicazione o uso che faccia singhiozzare o rallentare questo telefono. Macina tutto con eleganza, visualizza ogni informazione perfettamente e scatta foto in modo rapido ed efficiente. Cosa potete chiedere di più a uno smartphone? Magari potrebbe farci tornare in forma!

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Alpha, presentazione prevista per il 5 agosto

Questo deve essere stato il pensiero di Samsung quando ha dotato i suoi ultimi due telefoni top di gamma, l’S5 e il suo predecessore S4, dell’app di fitness tracking S Health. Io non sono un salutista, ma ho deciso di farmi istruire da questa app su come migliorare la mia vita.

Galaxy S5, Gear Fit e S Health


Goal raggiunto!

Ho usato assieme questi tre accessori. Teoricamente, presi assieme dovrebbero fare un fitness tracker completo, per quanto siano un’alternativa che costa diverse volte un normale apparecchio creato apposta per questo scopo con relativa app.

Trovate qui la recensione completa del Gear Fit e mi trovo costretto a ribadire il problema di questa combinazione: non è abbastanza granulare, né dettagliata, per essere la compagna di uno sportivo serio. Sono solo tre gli sport presi in considerazione, e consistono in corsa, trekking e bicicletta.

Gli appassionati di palestre o kayaking o altri mille sport si trovano insomma tagliati fuori, un problema che alcune alternative sul mercato non presentano.

Inoltre, il contapassi e il cardiofrequenzimetro LED integrato direttamente sullo smartphone del Galaxy S5 sono sì rivoluzionari e unici sul mercato, ma restano comunque meno precisi rispetto a gadget specifici, e soprattutto molto meno automatici. Se si conta sul sync con il Gear Fit, poi, purtroppo lo smartphone deve sempre rimanere vicino allo smartwatch per registrare la maggior parte dei dati. Inoltre si deve sincronizzare manualmente tra i due per ricevere una lettura accurata sull’S5 - e per qualche ragione in ogni caso i dati tra i due device talvolta differiscono. Il problema è particolarmente evidente con le calorie spese, che non coincidono mai con quello che dice il Gear Fit.

S Health


Accessori a energia solare, cinque proposte

Vediamo un po’ delle funzioni di S Health, e come si comporta questa app come fitness e health tracker.


  • Cardiofrequenzimetro: come detto, quello montato sul Galaxy S5 è un modello che legge le nostre pulsazioni tramite un LED. È molto rapido, più di quanto non sia quello sul Gear Fit o Samsung Gear 2, ma non è molto preciso. Purtroppo, inoltre, è “a richiesta”. Se volete monitorare il vostro cuore, dovete farlo manualmente. Va da sé che non può monitorare il vostro cuore sotto sforzo, né avvisarvi sulla media che intendete mantenere durante l’esercizio

  • Contapassi: è relativamente preciso, né più ne meno di quelli che si usano con i braccialetti o i sensori, anche se molto probabilmente non vi può seguire in casa a meno che non portiate addosso costantemente lo smartphone. Inoltre non è automatico, deve essere attivato per registrare passi, distanze e tempi di percorrenza

  • Allenamento: come detto, solo cose facili come corsa, ciclismo, camminate e trekking sono prese in considerazione, e questo è il punto più debole dell’app. Però se correte vi piacerà: potete scegliere musica, seguire il percorso su GPS e fare foto del percorso, che verranno geotaggate automaticamente. Se abbiamo scelto un itinerario riceveremo istruzioni step by step per imboccare le strade giuste

  • Cibo: S Health può monitorare la vostra dieta. C’è un database di cibi davvero esteso in cui vi posso garantire che troverete almeno il 75% delle cose che mangiate, specie se sono preparate o impacchettate da qualche brand. Nel caso siate invece più portati a farvi il cibo da soli, ci sono tutti gli alimenti base, i salumi, i pesci, le verdure e i cereali. Dovrete solo fare un po’ di ricerca, e se trovate qualcosa di nuovo potete aggiungerlo al database. L’app segna tutto quello che mangiate e lo distribuisce nei vari pasti, per poi permettere di seguire la vostra dieta durante settimane e mesi. Vi viene suggerito anche un quantitativo ottimale di calorie giornaliere, e devo dire che si può chiedere poco di più a questo software in merito

  • Allenatore: ho onestamente provato a seguire i suoi suggerimenti, o meglio: le sue "missioni". Ci ho provato, e ho fallito! Purtroppo questo allenatore, il cui scopo è di indurvi a scegliere uno stile di vita più sano, propone molto spesso dei suggerimenti davvero strani. Certe volte sono quasi morbosamente dettagliati (abbandona un certo tipo di cibi e invece compra dei biscotti integrali!), altre volte i suoi consigli sembrano quelli di una strana zia new age (se hai problemi di sonno, esercitati con la meditazione e metti in pratica la gratitudine 3 volte alla settimana). L’idea insomma è buona, l’esecuzione purtroppo mi sembra poco seria

  • Sonno: è teoricamente possibile monitorare il sonno con il Galaxy S5, ma si è costretti a posare il telefono sul letto mentre si dorme, un’idea pessima. Meglio usare il Gear Fit o un altro fitness tracker


Inoltre è possibile integrare altre app con S Health. e quindi si può integrare il Galaxy S5 con altri sensori più accurati, a patto che Samsung abbia fatto lo sforzo per renderli compatibili. Un esempio sono i cardiofrequenzimetri di Garmin. Purtroppo però questo non espande le funzioni di S Health né gli consente di seguire altri sport oltre a quelli sopra indicati.

Conclusioni


Immagini del Samsung Galaxy S5 e della sua app S Health

Come “health tracking smartphone” il Samsung Galaxy S5 è praticamente imbattibile, anche perché, onestamente detto, non ce ne sono altri sul mercato. Si tratta di funzioni utili, divertenti da usare e perfettamente funzionali. Purtroppo la loro struttura è troppo “manuale”, ci sono pochi automatismi, che sono quello che rende un fitness tracker davvero utile.

Per fortuna non è proprio il comparto “health e fitness” a definire questo apparecchio, che ha ben altri punti di forza.

Il Galaxy S5 è davvero un telefono fantastico
ed è ottimo per uno stile di vita attivo: è un terminale che è in grado di fare tutto, dalle normali telefonate, all’uso dei social media e persino al lavoro. È davvero difficile trovare sul mercato uno smartphone tanto potente, serio, solido e utile al suo proprietario.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO