LG vs Qualcomm, scontro sullo Snapdragon 810 esclusivo a Samsung

Nuove voci di corridoio affermano che LG sarebbe pronta ad avviare un'azione legale contro Qualcomm nel caso il produttore di chip decidesse di creare una variante modificata dello Snapdragon 810 per Samsung.


qualcomm111

Il numero di notizie che circondano le figure del futuro top di gamma di Samsung, l'inedito Samsung Galaxy S6, ed il processore di cui dovrebbe essere dotato, il Qualcomm Snapdragon 810, continuano ad accumularsi e la questione si fa sempre più intricata.

Le prime voci dal tono negativo riguardanti lo Snapdragon 810 hanno cominciato a circolare alla fine del 2014, sottolineando come il nuovo chip di punta del produttore di semiconduttori fosse colpito da qualche difetto che avrebbe portato a qualche problema di surriscaldamento. Naturalmente sia Qualcomm che LG, i primi a presentare uno smartphone equipaggiato con il suddetto chip, hanno pubblicato una smentita, negando che lo Snapdragon 810 potesse avere un simile difetto.

Nelle scorse settimane, in più di un'occasione, alcuni informatori anonimi hanno avvalorato alcune tesi secondo cui Samsung avrebbe preferito affidarsi il meno possibile all'S810. Secondo le voci il gigante coreano baserà la produzione del Galaxy S6 sul proprio chip casalingo, il nuovo Exynos, relegando il SoC di Qualcomm a meno del 30% della produzione dell'ammiraglia. Una scelta perfettamente in linea con il desiderio di Samsung di rendersi maggiormente indipendente da quest punto di vista.

Leggi anche: Samsung Galaxy S6 non userà lo Snapdragon 810, nuove conferme

Le ultime informazioni pubblicate dai media coreani affermano che Qualcomm sarebbe in procinto di aggiornare il proprio system on chip per risolvere i presunti problemi di surriscaldamento e riguadagnare il favore di Samsung, essendo quest'ultimo uno dei suoi più grandi clienti.

Ancora le fonti coreane affermano che, nel verificarsi di questa evenienza, LG sarebbe pronta a dare il via ad un'azione legale nei confronti di Qualcomm. Le motivazioni sarebbero comprensibili: una simile decisione da parte del produttore di chip risulterebbe come un'ammissione dell'esistenza dei difetti della componente citati più volte nel corso degli ultimi mesi.

Per molti analisti un simile scenario risulterebbe in un duro colpo per tutti i produttori di smartphone che hanno incluso o che vogliono fare uso dello Snapdragon 810. Né Samsung né Qualcomm hanno ancora commentato la faccenda.

Via | Koreaherald

  • shares
  • Mail