Samsung Galaxy S6 Edge al MWC 2015, caratteristiche ed immagini dell'originale smartphone di punta

Samsung Galaxy S6 Edge è un guanto di sfida al mercato, e soprattutto ad Apple: assomiglia un po' all'iPhone 6, ma questo si può dire della maggior parte dei terminali "flagship" di oggi - e le caratteristiche originali di certo non mancano. Vediamolo da vicino, con le nostre foto scattate al MWC 2015.

Samsung Galaxy S6 Edge, hands-on dell'ammiraglia dallo schermo curvo

Samsung era stata accusata di stagnazione con il suo Galaxy S5, e ieri abbiamo potuto vedere come ha reagito a tali invettive: non uno ma due terminali, uno dei quali, il Samsung Galaxy S6 Edge, che riprende uno dei suoi “esperimenti” commerciali.

Prendiamo in considerazione quest’ultimo, e decretiamo sin da subito quello che abbiamo già tutti voglia di dire: Samsung non ha mai rischiato tanto con uno smartphone. Ma giocare d’azzardo ha dato i propri frutti?

Come è fatto

Samsung Galaxy S6 Edge, hands-on dell'ammiraglia dallo schermo curvo


Abbiamo potuto “manipolare” questo telefono e il responso è il seguente: il corpo è metallico e la plastica è bandita per sempre. Il pannello posteriore è esattamente come l’anteriore, ovverosia di vetro - anzi, di Gorilla Glass 4. A differenza del più conservatore Galaxy S6, il Galaxy S6 Edge ha i fianchi curvi, ma la curva è davvero molto più dolce di quella del suddetto esperimento, il Note Edge.

Il prezzo oggi come oggi è ancora incerto, ma sarà altissimo. Possiamo dire che chi acquisterà questo terminale avrà la sensazione di aver ottenuto proprio il giocattolo per cui ha sborsato tutti quegli euro. È solido, è lussuoso, e la dolce curva lo rende tanto originale quanto elegante. Mentre il modello “regolare” è uguale a qualsiasi altro telefono, materiali super lussuosi a parte, l’Edge si distingue dalla massa al primo sguardo, anche se la sua simmetria lo rende molto regolare e quindi poco aggressivo nel look. Il terminale risulta essere 2mm più sottile dell’S5, e unito ai fianchi “scolpiti” questo gli dona grande comodità. Tutto è a portata di pollice, e le curve rendono più facile trascinare con il polpastrello sul touchscreen. Eccolo nelle mani di Luca Zucconi:

Il difetto principale è che questo terminale, come il fratello, è completamente sigillato. La batteria, oggi ricaricabile in wireless, non può essere sostituita. E non c'è nessuna slot per inserire una microSD e aumentare lo spazio di archiviazione. Design batte praticità, insomma.

Componenti

Samsung Galaxy S6 Edge, hands-on dell'ammiraglia dallo schermo curvo


Il processore è un Samsung Exynos a otto core, il display è un QHD Super AMOLED da 5.1 che francamente è un po’ sovradimensionato: tutto il telefono è un po’ grande. La RAM è di 3GB, e ci sono tre “pezzature” per l’archiviazione. Sono le solite, 32GB, 64GB e 128GB.

Il tasto home ha il lettore di impronte digitali, la fotocamera ha il lettore di battiti cardiaci, che sarà usato anche come sensore per le foto in condizioni di luce non ottimale. Quest’ultima è una unità da 16MP con software e sensori molto avanzati, perfetti per gli scatti nella penombra. Questo vale anche per la fotocamera anteriore, che è una 5MP ed è ovviamente pensata per i selfie, anche nei locali semibui.

La batteria interna si carica 1,5 volte più in fretta della precedente, e in 10 minuti offre 4 ore di carica. Almeno finchè non diventa “vecchia”: ricordiamo che non potrete sostituirla. Il telefono è compatibile con entrambi gli standard di ricarica wireless, Qi e PMA.

Software

Samsung Galaxy S6 Edge, hands-on dell'ammiraglia dallo schermo curvo


Samsung ha rimosso le tonnellate di “bloat” del precedente modello. Ci saranno delle app made in Microsoft e qualche “irrinunciabile”, ma tante delle app che arrivavano sempre installate sull’ammiraglia Samsung sono state eliminate. La skin di Samsung ora non si discosta tantissimo dal regolare Android 5.0 Lollipop che fa da OS per questo telefono.

Conclusioni

Samsung Galaxy S6 Edge, hands-on dell'ammiraglia dallo schermo curvo


Non sappiamo se Galaxy S6 Edge sarà la bomba che Samsung vorrebbe che fosse, ma siamo abbastanza persuasi che si tratti del telefono più interessante prodotto da questa azienda negli ultimi anni. Solo prove più approfondite ci potranno dire se gli innumerevoli upgrade al software di bordo, alla batteria e alla fotocamera sono davvero tanto significativi come Samsung sostiene. Per il momento, tuttavia, siamo abbastanza affascinati da questo originale gioiello tecnologico.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO