Doro Claria 820, al MWC arriva lo smartphone per non vedenti e ipovedenti

Doro Claria 820, lo smartphone per non vedenti e ipovedenti, è uno dei prodotti più innovativi proposti al Mobile World Congress di Barcellona quest'anno.

Doro Claria 820, smartphone per ipovedenti e non vedenti

Al MWC 2015 di Barcellona abbiamo avuto la possibilità di notare parecchi trend: smartphone sempre più grandi, con ottimi display, caratterizzati solo da qualche idea di design originale - schermi curvi, materiali, app e servizi.

In questo marasma un po’ ripetitivo, però, la svedese Doro era decisamente differente dalla massa. L’azienda, infatti, ha presentato una serie di smartphone per colmare il digital divide presente tra anziani e ipovedenti e l’utente medio e generico, che è l’unico obiettivo dell’interesse di “bestioni” tecnologici come quelli proposti da Samsung, LG e il resto.

Specializzato nella fascia dei senior con prodotti come il Doro Liberto 820 e 820 mini (già ottimi terminali per il target in questione), il brand ha presentato anche Doro Claria 820, un terminale dedicato esclusivamente a non vedenti ed ipovedenti.

Come è fatto


Doro Claria 820, smartphone per ipovedenti e non vedenti

Siccome la tecnologia attuale ha rinunciato alle tastiere e persino ai tasti fisici per le funzioni base, al di là di accensione e volume, Doro ha dovuto spremersi le meningi a livello di design per rendere riconoscibili le lettere. La soluzione è stata trovata: una guaina in silicone con i fori per le dita e dei piccoli rilievi per “navigare” sulla tastiera. A parte questi nuovi tasti, a telefono attivo il touchscreen non serve ad altro e diventa insensibile - di fatto è impossibile rendere inoperabile l’interfaccia attivando qualcosa per errore.

Con questo strano tastierino - vera dimostrazione di ingegno - si possono gestire tutte le funzioni base, come le chiamate e la messaggistica. Qui va fatto notare che i tasti fondamentali dello smartphone sono invece già dei tasti fisici, cosa di per sè piuttosto strana: Home, Menù e Back sono stati inglobati dall’interfaccia grafica di Android già da un po’, e lo smartphone monta KitKat. Gli sviluppatori di Doro, insomma, sono stati davvero impegnati a disfare il lavoro fatto da Google (o forse dovrei dire imposto da Google).

Tutte le funzioni del telefono sono vocali, e spiegano all’utente cosa vuole selezionare. C’è anche un sistema GPS per la navigazione a piedi con informazioni utili agli ipovedenti. A questo è anche aggiunta una funzione “Aiuto” che chiama un numero di emergenza.

Ci sono anche tutte le funzioni più proprie di un cellulare smart, come la navigazione su internet e la musica.

Non solo chiamate: il mondo visto dallo smartphone


Ma il Doro Claria 820 non è solo un telefono, è davvero uno smartphone in senso letterale: può aiutare un ipovedente a interpretare il mondo circostante. Un’intera suite di software è messa a disposizione dell’utente, che può usare la fotocamera del telefono per leggere ad alta voce tutti i testi posti di fronte ad esso.

Doro ci dimostra la funzionalità: il Claria viene usato per leggere la sua stessa targhetta, cosa che fa senza difficoltà, scandendo le parole con chiarezza. Ma non si ferma a questo: il telefono può anche individuare una tonalità di colore, dando la percentuale di successo. “Verde, 99%” dice il cellulare puntato verso un copri-telefono color smeraldo.

Uscita e commercializzazione


Doro sta ancora lavorando alla sua rete di distribuzione, ma sappiamo per certo che il suo prodotto - e anche i nuovi terminali per cittadini senior - saranno presto disponibili, e che sono anche completamente tradotti e localizzati in italiano. Il Doro Claria 820 ha un mercato forzatamente ridotto, e quindi i costi di sviluppo della sua sofisticata suite di assistenza ricadono sull'utente. Non sappiamo ancora per certo quale sarà il prezzo definitivo, ma ci è stato fatto intendere che si dovrebbe aggirare attorni ai 500 euro.

  • shares
  • Mail