Boom Dots: un gioco non deve essere intelligente per divertire!

Tocca lo schermo, distruggi la "bolla". Tutto qua - se non vi sembra il prossimo erede di Civilization, la cosa non mi stupisce. Ma vi divertirete, questo è certo!

Con Boom Dots non diventerete più colti, né più intelligenti, né più affascinanti. Però questo giochino replica in meglio la frustrazione e la dipendenza di Flappy Bird: si deve fare una sola cosa, ma bisogna farla davvero bene.

Il gioco consiste nell’indurre con un tocco il nostro pallino a colpire una palla più grande. Poi si passa a quella successiva, e così via, mentre cambiano forme e colori. Si possono raccogliere achievement e bonus per il punteggio facendo “Killing spree” progressivamente più difficili e impegnative. Ma perdere è molto facile. Basta mancare una delle sfere che ci fanno da bersaglio per far terminare la partita.

Ci vuole precisione e soprattutto un ottimo senso del ritmo e del movimento. Le traiettorie degli oggetti che dobbiamo colpire sono prevedibili, ma solo se siamo rapidi e coordinati.

Il gioco può essere cambiato di aspetto in varie maniera, con dei “reskin” che lo fanno diventare pixeloso o più colorato. Il gioco è di fatto gratuito, ma supportato da ad che vi preannuncio essere piuttosto fastidiosi, anche se non interferiscono minimamente con l’esperienza di gioco. Le pubblicità, infatti, compaiono solo dopo aver perso una partita, e ci fanno perdere del tempo. Si può acquistare una versione senza pubblicità con un esborso di 1 euro circa, che non è un prezzo micidiale. Ho speso molti più soldi in monetine nelle sale giochi quando ero più piccolo, e si trattava di videogame molto più brutti e mal concepiti di Boom Dots.

Buon divertimento!

  • shares
  • Mail