Naratte suggerisce i pagamenti mobili con il suono

Naratte

Attualmente ci sono tanti investimenti in ballo per far si che la tecnologia NFC si diffonda. Questo tipo di tecnologia permette di effettuare il riconoscimento dei dispositivi in un'area di circa 15 centimetri tra i moduli NFC. E' ideale, grazie alla sua sicurezza, per i micropagamenti, tant'è vero che Google ha già presentato il suo servizio: Wallet.

Per utilizzare questa tecnologia, però, c'è bisogno che il modulo NFC sia presente nel telefono. Tendenza che si sta avendo con i recenti smartphone. Così facendo, però, si escludono tutti i vecchi telefoni. La società Naratte ha trovato una soluzione: il riconoscimento mediante le onde sonore.

Basta utilizzare una firma sonora, gestibile da qualsiasi telefono munito di microfono e speaker, per provvedere al pagamento. La soluzione per me non è molto sicura. Basterebbe registrare il suono presso un altro dispositivo per copiarne la firma. Forse meglio attendere la diffusione dell'NFC.

[via CNET]

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: