Apple: il brevetto sulle gesture touchscreen risale al 2007. Un grosso problema per gli altri produttori di smartphone?

pinch zoomApple potrebbe seriamente influenzare il destino del mercato degli smartphone: si è aggiudicata un brevetto richiesto nel 2007 per l'iPhone originale. Il brevetto in questione è stato definito sia ampio che capillare, in quanto potrebbe colpire qualsiasi produttore sul mercato.

L'abstract del brevetto numero 7,966,578 recita:

Un metodo implementato su computer per l'utilizzo in congiunzione con terminali multifunzione portatili con display touchscreen che [a] computer-implemented method, for use in conjunction with a portable multifunction device with a touch screen display, che comprende la visualizzazione di una porzione di contenuto in una pagina, inclusa la visualizzazione dei frame del contenuto di un frame e includendo altri contenuti della pagina, su display touchscreen.

Come spesso accade, le descrizioni di questi brevetti appaiono così contorte da confondere le idee. Nella prima frase si presuppone l'utilizzo di un dispositivo in grado di visualizzare il contenuto di una pagina normale, così come una porzione di frame che si possa spostare con un solo dito. Il brevetto richiede anche al terminale di identificare una "gesture di transizione con due dita", ovvero quello che noi conosciamo come pinch-to-zoom.

Il brevetto va quindi a coprire qualsiasi terminale che utilizza queste particolari gesture, che attualmente vengono utilizzate sulla maggior parte degli smartphone di case concorrenti come Google e HTC, ma anche Samsung con la quale Apple ha già un contenzioso.

Florian Mueller della Foss Patents ha dichiarato a PC Mag:

Il modo giusto per leggere il brevetto è che viene infranto solo se la tecnologia viene implementata nella propria interezza, con tutte le caratteristiche identiche.

Quindi sarebbe impossibile per Apple perseguire ogni singolo protagonista sul mercato per capire quali elementi abbia copiato della propria tecnologia. Attualmente questo tipo di gesture vengono utilizzate principalmente sui browser Web e sui programmi di mappe e geolocalizzazione, diventando anche uno standard. Sarà interessante verificare come si muoverà Apple rispetto ai concorrenti.

[Via UnwiredView]

  • shares
  • +1
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: