UE, addio ai costi aggiuntivi di roaming da giugno 2017 in tutta Europa

consiglio-europeo.jpg

A partire dal 15 giugno 2017 chi viaggerà all’interno dell’Unione Europea non si vedrà più applicare costi aggiuntivi per i servizi di voce, dati e messaggistica. Lo storico accordo è stato raggiunto nella notte dopo 12 ore di trattative tra la Commissione europea, Consiglio europeo e Parlamento europeo.

L’annuncio è stato dato dallo stesso Consiglio Europeo con un comunicato stampa che non ha soltanto confermato il raggiungimento dell’accordo sulle tariffe di roaming internazionale, ma ha spiegato che già a partire dal 30 aprile 2016, circa un anno prima dell’abolizione effettiva del roaming, i tetti attualmente in vigore saranno sostituiti da un sovraccosto massimo di 0,05 euro al minuto per le chiamate, 0,02€ per gli SMS e 0,05€ per megabyte per il traffico dati.

Questo è un grande successo per l’Unione Europea e la presidenza Lettone, che ha fatto un grande sforzo per raggiungere questo accordo, resuscitando questa proposta e raggiungendo un accordo. Questo non sarebbe stato possibile senza l’impegno e l’approccio costruttivo degli Stati Membri, del Parlamento Europeo e della Commissione Europea.

Parola di Anrijs Matīss, ministro dei Trasporti lettone. A partire da quella data, però, le compagnie telefoniche potranno applicare una politica di utilizzo equo dei servizi al fine di prevenire un utilizzo abusivo degli stessi, come nel caso di un utente che acquista una SIM Card in un Paese UE in cui le tariffe sono più vantaggiose, ma poi si stabilisce in un Paese diverso. Queste politiche devono ancora essere definite.

Via | Europa

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 31 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO