OnePlus 3T recensione: un mese col nuovo flagship killer

OnePlus quest'anno come non mai ha fatto parlare di sé. L'azienda Cinese, lo scorso 15 Novembre ha annunciato al pubblico il nuovissimo OnePlus 3T. Il dispositivo, almeno sulla carta, è uno smartphone semplicemente migliorato rispetto al precedente OnePlus 3, ma appunto sulla solamente sulla carta. Dal momento della sua commercializzazione in Europa, il 28 Novembre, ho avuto modo di usare come smartphone principale il nuovo OnePlus 3T, cui vi racconterò le mie impressioni, esperienze, punti di forza e punti deboli.


Confezione


OnePlus 3T eredita dal predecessore la confezione minimal

, composta da foglietto di istruzioni, caricatore Dash Charge e cavo USB-C. Mancano gli auricolari (venduti a parte) ma troviamo un bel buono da 5 euro da spendere sullo store ufficiale.

Costruzione ed ergonomia


Anche qua il form factory, design,dimensione, peso e metallo utilizzato sono gli stessi della precedente versione. Il primo impatto col dispositivo è fantastico, il feedback tattile che possiamo ottenere è assolutamente premium. I materiali, la cura dei dettagli e la qualità costruttiva non fanno assolutamente pensare a uno smartphone col prezzo di fascia media.

Il grip solitamente è buono, anche se personalmente, avendo le mani abbastanza grandi mi trovo meglio con una cover.

Hardware


OnePlus 3T è un netto salto avanti rispetto al predecessore

. Il nuovo terminale è equipaggiato con il nuovo Snapdragon 821 quad-core a 2,35 GHz con GPU Adreno 530. Un passo avanti rispetto al precedente modello. La memoria RAM rimane fissa a 6GB, quantità monstre, che permette un uso spinto dello smartphone senza alcun lag. Lo storage interno dello smartphone è di 64/128 GB (non espandibili), UFS 2.0 che offre prestazioni super in lettura e scrittura.

Per quel che riguarda la connettività abbiamo il supporto al LTE fino a 450 Mbps, Wi-Fi ac, Bluetooth 4.2, NFC e un precisissimo e velocissimo lettore di impronte digitali.

Fotocamera


La fotocamera rimane la più che buona versione da 16 megapixel ƒ/2.0

stabilizzata via software vista su OnePlus 3. Le novità sono principalmente due: lato hardware ora il vetro che contiene il sensore è molto più resistente della precedente versione e la fotocamera interna è ora da 16 megapixel; lato software ora è possibile utilizzare la stabilizzazione software anche per quel che riguarda i video.

Per quel che riguarda la realizzazione di foto, la fotocamera si comporta egregiamente: l'autofocus è molto rapido e preciso, le immagini sono nitide e luminose. Ottimo l'HDR Automatico.

Il comparto video risulta invece leggermente inferiore. I video sì, vengono registrati in 4K ma non sono poi così apprezzabili.

Display


OnePlus 3T porta con sé il display da da 5.5" pollici AMOLED Full HD

con risoluzione 1920x1080 pixel visto sul precedente modello dello smartphone. Il display è ottimo  ampio e risoluto ma sopratutto adatto praticamente a tutto dall'editing delle foto, alla riproduzione dei video fino ai giochi più risoluti.

I colori del display sono ben bilanciati, la luminosità è ottima un po' per tutte le esigenze, la luminosità automatica sembra funzionare molto bene anche all'aperto. Ho trovato molto utile la modalità notturna, disponibile di default (cosa non disponibile in tanti smartphone top gamma) così come l'ambient display che permette di vedere sul display, grazie al bianco e nero,  le notifiche senza consumare praticamente energia.

Software


OnePlus 3T arriva con la nuova OxygenOS 3.5.3, un aggiornamento del sistema operativo assolutamente interessante. Non una major release dato che è ancora basato su Android 6.0.1 Marshmallow.

Questo aggiornamento porta tante piccole migliorie che migliorano l'esperienza utente:


  • è possibile visualizzare la percentuale di batteria rimasta accanto all'icona;

  • i toogle a disposizione sono più razionali;

  • è possibile chiudere tutte le applicazioni con un solo tasto;

  • nuova schermata shelf più elegante e personalizzabile;

  • miglioramento del filesystem, evidente nell'utilizzo di giochi.


L'aggiornamento ad Android 7.0 Nougat a detta degli sviluppatori di OnePlus non dovrebbe tardare ad arrivare. Il suo rilascio era previsto entro la fine dell'anno, il ritardo dovrebbe essere minimo dato che la fase di beta testing sembra essere praticamente terminata.

Autonomia


OnePlus 3T schiaccia il suo predecessore. Complice il nuovo processore, la batteria migliorata e qualche ottimizzazione software il nuovo arrivato in casa OnePlus offre quasi due ore di più in autonomia rispetto al precedente terminale. Uno step importante dato che OnePlus 3 arrivava a fine serata con un qualche piccolo accorgimento.

Un miglioramento sostanziale che porta a terminare la giornata senza troppi pensieri. In casi di utilizzo veramente spinto la tecnologia Dash Charge ci viene incontro: con 30 minuti di ricarico possiamo ottenere il 60 per cento di batteria. Una vera e propria manna dal cielo.

Prezzo


Come prevedibile il nuovo OnePlus 3T costa leggermente più del suo predecessore. Ad ora possiamo acquistare il terminale al prezzo di 439 euro per la versione da 64 GB e 479 euro per la versione da 128 GB. Un prezzo ragionevole per uno smartphone top gamma vestito da terminale di fascia media.

Lo storage base ora parte da 64 GB e finalmente è disponibile il taglio da 1228 GB, l'aumento di prezzo sembra quindi più che giustificato.

Conclusioni


OnePlus 3T è veramente un dispositivo superlativo

. La nuova versione del terminale è un importante passo avanti rispetto al precedente modello. Questo OnePlus 3T corregge i difetti del suo predecessore mantenendo un prezzo altamente competitivo. Potenza, autonomia e semplicità sono le tre parole per definire questo terminale veramente ottimo che ha rimpiazzato il suo precedessore come mio smartphone primario. Uno smartphone adatto a chi è alla ricerca di uno smartphone top gamma per caratteristiche con un prezzo decisamente inferiore.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO