Google invita gli sviluppatori a utilizzare Google Play per la vendita delle apps

Google Play

Google un po' come ha fatto Apple con App Store, sta spingendo tutti gli sviluppatori ad utilizzare il servizio Google Wallet, ora diventato Google Play, come metodo predefinito e unico per la vendita delle applicazioni in Android Market, offrendo agli sviluppatori trenta giorni per uniformarsi e rientrare nei termini e condizioni di Android market per la vendita delle proprie apps.

Gli sviluppatori dovranno quindi abbandonare PayPal, Zong e Boku per convergere tutti in Google Wallet, nel tentativo di far crescere le vendite di applicazioni su Android Market. V ricordiamo che secondo alcune statistiche condotte nei mesi scorsi, la maggior parte delle applicazioni scaricate da Android Market sono applicazioni free, mentre le applicazioni che vengono scaricate dall'App Store di Apple sono maggiormente bilanciate fra gratuite e a pagamento, questo perchè Apple sin dal primo iOS e dall'inizio di App Store, ha da sempre imposto un unico sistema di pagamento per l'acquisto delle apps, costringendo gli sviluppatori ad attenersi al regolamento sin da subito.

Sebbene le vendite di smartphone con sistema operativo Android siano in continua crescita, Google non registra un aumento proporzionale delle vendite in Android Market e secondo delle analisi condotte da esperti in settore, il motivo deve essere ricercato nel fatto che in Android Market la situazione è molto confusa,portando l'utente a non prendere in considerazione le applicazioni a pagamento, rivolgendo i propri interessi verso quelle applicazioni che vengono distribuite gratuitamente.

Via| PC Pro

  • shares
  • +1
  • Mail