Class Action contro Google per applicazioni non funzionanti

Google Play

Il duo americano Dodd Harris e Stephen Sabatino stanno avviando una class action contro Google a causa di molte applicazioni per Android presenti sullo store ma non funzionanti, applicazioni di cui Google non può restituire i soldi agli acquirenti per via delle condizioni di acquisto troppo restrittive, che l'utente accetta prima di compiere l’acquisto nello Store.

La causa legale, avviata questa settimana presso la corte Superiore di Los Angeles, a cui tutti possono aderire, riporta delle pratiche commerciali non corrette nelle condizioni della garanzia legale offerta da Google per l’acquisto delle applicazioni.

Il duo americano ha acquistato su Android Play Store l'applicazione "Learn Chinese Mandarin Pro" del costo di 4,83$, ma una volta installata sui propri smartphone, l'applicazione non funzionava come descritto. Il grave problema è che Google offre all'utente solo quindici minuti di tempo per provare l'applicazione e eventualmente richiedere un rimborso, trascorso il quale tutti i diritti di essere rimborsati decadono. Non sempre queste applicazioni sono scaricate e provate immediatamente, soprattutto, come accaduto al duo, dopo aver scaricato l'applicazione, è possibile trovarsi impegnati in una telefonata e i quindici minuti a disposizione sarebbero troppo pochi perché consentano di testare con cura l'applicazione scaricata.

Come sappiamo le applicazioni presenti nello Store di Google non sono approvate e controllate rigorosamente, come avviene invece nell'App Store di Apple, dove ogni singola applicazione prima di entrare nello Sotre viene rigorosamente provata e controllata da tecnici Apple, ne tanto meno Google esegue un controllo marginale sulla presenza di virus o malware nelle applicazioni stesse, bensì si occupa esclusivamente di far passare qualsiasi cosa, sia che si tratti di applicazioni gratuite, sia che si tratti di applicazioni a pagamento.

Via | Laweekly

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO