Samsung volta pagina: addio ai chip Qualcomm

Exynos

Samsung ha deciso di voler diminuire il suo grado di dipendenza dalla Qualcomm e ha annunciato di voler iniziare a dotare i suoi smartphone di fascia alta di chip realizzati internamente, piuttosto che di quelli prodotti dall'azienda americana. Il primo telefono marchiato Samsung che avrà questa novità sarà il tanto atteso Samsung Galaxy SIII. Si tratta di una decisione che cambia le carte in tavola, dato che fino ad ora l'azienda coreana ha dotato i suoi smartphone di processori Qualcomm, mentre ora punta in maniera decisa anche al settore dei chip.

Da tempo la Samsung stava pensando di compiere questo passo importante, considerando anche che paga delle ingenti somme di denaro alla Qualcomm per poter installare i suoi chip in device che sono di importanza strategica. Ora gli ingegneri dell'azienda coreana hanno detto che finalmente i chip Samsung sono pronti, sotto ogni punto di vista, anche per smartphone di alta fascia.

La Samsung ha fatto sapere che non dovrebbero esserci problemi di resa, dato che i suoi processori sono già molto solidi e veloci. Tante infatti le aziende che già in passato hanno deciso di dotare i loro smartphone e tablet di processori Samsung, tra cui Google per il suo Nexus.

I chip che la Samsung ha intenzione di usare nel Galaxy SIII sono gli Exynos, processori quad core che uniscono le funzionalità LTE, la connettività W-CDMA e le funzioni legate alle telecomunicazioni.

Considerando che lo scorso anno la Samsung ha vendito 200 milioni di smartphone (mentre l'obiettivo previsto per questo 2012 è vendere 250 milioni di device) e che è stata l'azienda che, da questo punto di vista, ha venduto di più in assoluto, la decisione di iniziare a staccarsi dalla Qualcomm è ancora più importante.

Via | koreatimes.co.kr

  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: