I produttori vogliono che Windows Phone 8 sia più simile ad Android

Windows Phone

I partner di Microsoft, produttori di telefoni cellulari per il sistema operativo Windows Phone, sono delusi per il basso tasso di adozione della piattaforma e chiedono a Microsoft che si apportino cambiamenti all'OS, in particolare per quanto riguarda le funzionalità. Questa è la rivelazione di DigiTimes, che cita un report secondo il quale i produttori desiderano che Windows Phone sia più personalizzabile, in modo da poter differenziare il più possibile i dispositivi e pensarli per tutte le fasce di prezzo, esattamente come avviene per Android.

Si tratta di una richiesta che può tramutarsi in arma a doppio taglio: i produttori possono personalizzare l'interfaccia utente e ottenerne un ritorno a livello di marketing (le aziende vogliono solo spendere soldi per commercializzare le proprie caratteristiche, non le caratteristiche di un sistema operativo con licenza uguale per tutti i concorrenti), ma come sappiamo ciò si paga in termini di rallentamento nella diffusione di aggiornamenti software.

Conoscendo Microsoft, anche se concedesse delle personalizzazioni a Windows Phone, sarebbero comunque minime, magari tramite un'opzione che consente di selezionare temi prestabiliti e impedendo ai produttori di pasticciare più di tanto con il codice dell'OS. È naturale che i produttori siano arrivati a chiedere maggiore indipendenza rispetto a Windows Phone, perché attualmente investono per pubblicizzare caratteristiche comuni - sia software che hardware - tra tutti i concorrenti. Che vantaggio ne traggono, quindi? Windows Phone sta crescendo a ritmo del tutto rispettabile sia in Europa che negli Stati Uniti, secondo molti report, ma Digitimes insiste sulla stagnazione delle vendite. Chi avrà ragione?

Via | Digitimes

  • shares
  • +1
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: