WhatsApp aggiunge gli inviti per i gruppi

I gruppi sono una delle funzionalità più popolari su WhatsApp, ma allo stesso tempo una delle più odiate, in quanto gli utenti si ritrovano spesso iscritti contro la loro volontà. Facebook, azienda proprietaria del servizio di messaggistica, ha aggiunto un'opzione che permette di concedere il consenso in base al contatto da cui si riceve la richiesta.

Finora era sufficiente conoscere il numero di telefono per aggiungere "amici" ad un gruppo. Nella futura versione di WhatsApp, che verrà distribuita nelle prossime settimane, ci sarà una sezione specifica nelle Impostazioni (per l'esattezza nella schermata Account > Privacy > Gruppi) che consentirà di scegliere chi può aggiungere al gruppo gli utenti. Le opzioni sono tre: Nessuno, I miei contatti e Tutti.

Nel primo caso (Nessuno), il destinatario riceverà un messaggio privato con un link di invito che rimarrà attivo per 72 ore. L'utente avrà quindi tre giorni per decidere se accettare o rifiutare la partecipazione al gruppo. Questa funzionalità è stata implementata per evitare l'iscrizione a gruppi indesiderati e la ricezione di fastidiose notifiche.

Spesso i gruppi di WhatsApp vengono utilizzati per distribuire spam e diffondere fake news. Simili pratiche sono state sfruttate in alcuni paesi, tra cui India e Brasile, per influenzare l'opinione pubblica soprattutto durante le elezioni politiche.

A tale proposito, Facebook ha già apportato alcune modifiche, come la riduzione a cinque del numero di inoltri per singolo messaggio e la visualizzazione dell'etichetta "Inoltrato".

  • shares
  • Mail