Google Maps mostra autovelox e limiti di velocità

Da qualche mese Google ha iniziato a mostrare negli Stati Uniti e pochi altri paesi i limiti di velocità e gli autovelox fissi durante la navigazione con Google Maps. L'azienda di Mountain View ha ora confermato che le nuove funzionalità sono disponibili in oltre 40 paesi, Italia inclusa. Il rollout avviene lato server, quindi non è necessario aggiornare l'app per Android.

Le novità sono già note agli utenti che usano Waze, acquisita da Google nel 2013. I limiti di velocità vengono mostrati sulla mappa in basso a sinistra, mentre gli autovelox fissi sono segnalati con un'icona direttamente sulle strade. La posizione di questi ultimi potrebbe però essere errata oppure esatta, ma il dispositivo non è funzionante.

Google ha confermato che gli autovelox vengono segnalati nei seguenti paesi: Australia, Brasile, Stati Uniti, Canada, Regno Unito, India, Messico, Russia, Giappone, Andorra, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Grecia, Ungheria, Islanda, Israele, Italia, Giordania, Kuwait, Lettonia, Lituania, Malta, Marocco, Namibia, Paesi Bassi, Norvegia, Oman, Polonia, Portogallo, Qatar, Romania, Arabia Saudita, Serbia, Slovacchia, Sudafrica, Spagna, Svezia, Tunisia e Zimbabwe. I limiti di velocità non sono al momento visibili in Italia.

Nell'elenco non ci sono Francia, Germania e Svizzera perché in questi paesi è illegale l'uso di app che segnalano gli autovelox. In Italia è solo vietato l'uso di specifici dispositivi. Gli utenti Android possono anche segnalare rallentamenti, incidenti e la posizione di autovelox mobili, proprio come avviene su Waze (che rimane tuttavia la soluzione più completa).

Un'altra novità riguarda l'informazione sul traffico. Google Maps utilizza tre colori (verde, arancione e rosso) per indicare il livello del traffico (basso, medio e alto, rispettivamente). È possibile anche attivare una notifica per rimanere aggiornati sulle condizioni del traffico.

  • shares
  • Mail