Windows Phone 7, Microsoft riconosce di averlo condannato dalla nascita

Scritto da: -

Greg Sullivan, senior product manager di Windows Phone, ha ammesso che Microsoft ha progettato Windows Phone 7 con una “data di scadenza”. I possessori di cellulari che utilizzano Windows Phone 7 come sistema operativo, come per esempio il Lumia 900 della Nokia, hanno subito un duro colpo quando Microsoft ha confermato che tali dispositivi non riceveranno l’aggiornamento a Windows Phone 8.

L’upgrade a Windows Phone 7.8, previsto per il sistema operativo attualmente in commercio, ha quindi il sapore di un premio di consolazione. Serve al massimo ad edulcorare il fatto che, nonostante Windows Phone 7 sia un nuovo venuto, è tuttavia privo di futuro sulla piattaforma ed incapace di godere della prossima ondata di app.

Windows Phone 8 rappresenta il nuovo inizio, avrà un kernel completamente diverso e sarà basato sullo stesso nucleo software del sistema operativo per desktop di prossima generazione, Windows 8. I programmi e le App create per esso non saranno quindi in alcun modo retro-compatibili con Windows Phone 7.

La realtà è resa ancor meno piacevole dalle dichiarazioni di Microsoft, che afferma di aver previsto questa situazione fin dai primi passi del sistema operativo che si trova ora nelle tasche degli acquirenti. Stando a quanto detto da Greg Sullivan lo sviluppo di Windows Phone 8 si è svolto parallelamente a quello di Windows Phone 7.5 e parte di quel lavoro è iniziata addirittura prima che Windows Phone 7 fosse reso disponibile.

Un divario secco quindi, un “avvicendamento generazionale”, come lo definisce Sullivan. Un evento che, talvolta, lascia indietro una buona parte degli utenti esistenti. Il fattore determinante di una simile scelta va ricercato nella solida intenzione di sfruttare al meglio, nell’ottica di un futuro a lungo termine, lo spazio di testa garantito dalla nuova architettura, continuando auspicabilmente a dare valore agli attuali clienti.

Similmente la decisione di immettere sul mercato un sistema operativo dalla durata prevista così breve, nasce dal semplice bisogno di garantirsi il terreno necessario a guadagnare un po’ di terreno su Android e iOS. Windows Phone 7 è stato indispensabile a consolidare questa nuova esperienza d’uso e per cominciare a creare un “ecosistema di sviluppatori”.

Sullivan sottolinea comunque che i servizi che sostengono la piattaforma mobile di Windows, come ad esempio Xbox Live, Bing Search e il sistema di archiviazione cloud SkyDrive, continueranno a beneficiare degli aggiornamenti futuri - e che sul mercato c’è un’ingente quantità di App, ormai più di 100.000. Nonostante l’uscita di Windows Phone 8 sia già in vista, i telefoni single-core della Microsoft restano, per il momento, tecnologia d’avanguardia perfettamente in grado di competere in modo favorevole con gli apparecchi multi-core in commercio.

Via | cnet.co.uk

Vota l'articolo:
3.83 su 5.00 basato su 6 voti.