Le vendite di cellulari crescono in tutto il mondo. In Giappone no !

dollarsSecondo Gartner Research, dati aggiornati al terzo trimestre del 2006, sono stati venduti in tutto il mondo 251 milioni di cellulari con un aumento del 21,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Per renderci conto di come sia cambiata in pochi anni l'entità delle cifre basta dare un'occhiata ai dati del terzo trimestre del 2004.
Nokia rimane saldamente al comando della classifica con il 35,1 % del mercato nelle sue mani (+2,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso) e riguadagna il primato anche in Sud America dove l'anno scorso era stata surclassata da Motorola.

A proposito di Motorola, nonostante quest anno abbia allargato ulteriormente la sua porzione di mercato portandola al 20,6% (distanza ancora abissale rispetto alla casa finlandese), accusa la perdita di importanti primati: la perdita della prima posizione in America Latina, del secondo posto in Europa occidentale e orientale, nel Medio-Oriente e in Africa. L'unico produttore che riese a tenere testa ai due colossi è Samsung che con 30 milioni di unità vendute si accaparra le posizioni perse da Motorola.
La regione del mondo in cui si è registrato il maggior flusso di vendite sono i due più grandi paesi emergenti dell'Asia cioè Cina e India.
Unica nota negativa il Giappone che registra un -4,7% rispetto all'anno scorso. Nel paese più avanzato tecnologicamente, soprattutto per quanto riguarda la telefonia mobile (e non solo), evidentemente il fattore dell'innovazione non basta più da solo a incentivare gli utenti a cambiare il proprio terminale. Comunque nulla di allarmistico, considerata la vicinanaza delle festività natalizie temo che queste cifre si dovranno rivedere decisamente al rialzo. [via Cellular-news]

  • shares
  • Mail