Hampuss Jakobsson, fondatore di TAT, abbandona RIM

Nonostante tutti gli sforzi, i progetti e l'aspettativa investita nei propri prodotti, la società canadese Risearch In Motion non sembra in grado, al momento, di porre freno al lento declino che sta subendo. La discesa continua ormai da diverso tempo e la ripresa non sembra in vista.

Pesanti disservizi ai danni degli utenti, un cospicuo ritardo nel lancio della futura generazione di smartphone, il BlackBerry 10 ed un'accanita concorrenza da parte di mostri come Google e Apple, lasciano una annaspante RIM a soffocare inesorabilmente dentro se stessa.

Quello annunciato qualche ora fa non è il primo abbandono che la compagnia ha visto negli ultimi mesi. Tanto per citare gli eventi più recenti, l'allontanamento di Alan Brenner, vice presidente senior, e di Alistair Mitchell, vice presidente di BlackBerry Messenger, è avvenuto in Aprile a seguito della dipartita, risalente al mese precedente, di altri membri d'alto rango dello staff.

Hampus Jakobsson, fondatore del team di sviluppo “The Astonishing Tribe”, segnala tramite un messaggio su Twitter il suo distacco da Research In Motion. TAT è stata acquistata nel Dicembre del 2010 ed impiegata nella lavorazione dell'interfaccia del BlackBerry 10; ora la staffetta sarà passata nelle mani di qualcun altro e sperabilmente l'uscita del prossimo BlackBerry non verrà ulteriormente posticipata.

Non si può affermare con certezza che l'allontanamento di Jakobsson abbia le stesse motivazioni precipue di quelli precedenti dei suoi colleghi e c'è da dire che potrebbe essere puramente frutto della volontà di cambiar aria, come lui stesso suggerisce in un altro Tweet.


Resta il fatto che la cosa va ad aggiungersi alle note scure che la RIM negli ultimi tempi sta impilando.

Via | theverge.com

  • shares
  • Mail