HTC 8X il prossimo Windows Phone 8, le caratteristiche

La danza dei rumors si sposta su un altro grande produttore impegnato con WP8, cioè HTC: in questi giorni sono apparse alcune foto e dei disegni che -così pare- lasciano intuire le caratteristiche salienti del futuro HTC 8X.

I nuovi telefoni con Windows Phone 8 in questo mese stanno facendo i protagonisti (almeno fino al fatidico 12 settembre dedicato all'iPhone 5). Il primo ad essere avvistato, pur trattandosi di un protoipo statico che non si poteva neppure accendere, è stato il Samsung ATIV S. Il 5 settembre invece è stata Nokia ad attirare i riflettori su di se, presentando il Lumia 920 ed il Lumia 820.

Il modello di HTC venuto alla superficie sembra essere quello che in fase di progettazione è stato definito "HTC Accord" e che una volta messo sul mercato dovrebbe chiamarsi HTC 8X. I blogger di phonearena.com sono convinti che tale prodotto sarà un'esclusiva di T-Mobile per quanto riguarda il suolo mericano.

Il prodotto è diretto concorrente del Nokia lumia 820, ed annovera (secondo le indiscrezioni) le seguenti caratteristiche:

Processore dual-core ARM da 1.2GHz
1 GB di RAM
16GB di memoria interna
schermo LCD da 4.3" con risoluzione a 720p
implementazione tecnologia Beats Audio integrato
Fotocamera posteriore da 8 megapixel con obiettivo f/2.0, una frontale
1080p HD registrazione video
NFC, Wi-Fi e Bluetooth

Ecco qui la foto incriminata di GSMArena:

Ricordiamo anche che tre sono gli handest WP8 che ci si aspetta dalla casa Taiwanese. Gli altri due sono (almeno secondo i rumor) dotati di caratteristiche simili a queste:

HTC "Zenith": Schermo da 4,7 pollici a 720p di tipo Super LCD 2, camera da 8 MP, HSPA+ 42 Mbps, processore quad-core Qualcomm Snapdragon


HTC "Rio": Terminale con schermo da 4 pollici WVGA, fotocamera posteriore da 5 MP con registrazione video a 720p, RAM da 512 MB e processore Qualcomm MSM8227

Ovviamente per ora tutte queste sono solo voci di corridoio, ma aspettiamo 19 settembre dove HTC svelare l'8X ufficialmente all'evento di New York, sempre che Apple sia tanto magnanima da lasciare una percentuale di mercato ai concorrenti.

  • shares
  • Mail