Applicazioni per iPhone solo in Ajax

iPhone SafariCome vi avevo preannunciato qualche giorno fa, le applicazioni di terzi per l'iPhone possono essere sviluppate e messe a disposizione per gli utenti. La conferma è giunta ieri sera, durante il Keynote tenuto da Steve Jobs nel corso del WWDC di San Francisco.
Il vincolo però, giustificato da ragioni di sicurezza e stabilità del terminale, è che siano sviluppate in Ajax. In altre parole il CEO di Apple permetterà di usare software Web 2.0 che possono essere, ad esempio, Meebo per l'Instant Messaging, Google Docs per i documenti, Gmail e così via.

Attraverso questa mossa si comprende il perchè del coinvolgimento degli operatori nella commercializzazione del telefono. E' chiaro che, in vista di un forte utilizzo di internet e dei suoi servizi, bisognerà avere a disposizione una flat dati per navigare senza nessun limite, altrimenti l'utilizzo di alcuni software può essere compromesso.

Apple fornirà la sorgente e gli API di alcuni componenti in modo da far interagire questi programmi con l'hardware e il software dell'iPhone. Steve Jobs ha fatto degli esempi come i collegamenti diretti alla rubrica, al programma di email e all'album di fotografie.
Tra circa due settimane partirà la vendita negli USA. Sarà sicuramente un ottimo teatro in cui, noi europei, potremo valutare concretamente l'evoluzione del telefono.

[via Mela|Blog]

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO