Mobileblog intervista Roy Timor Rousso di Fring

Roy Timor RoussoVi abbiamo parlato molte volte di Fring, un'applicazione Java per cellulari che vi permette di sfruttare alcuni servizi VoIP per effettuare telefonate a basso costo, vi permette di chattare e di utilizzare il servizio Twitter. Il tutto gratuitamente, a vostro carico ci sarà solo l'utilizzo della banda per il trasporto dati e vi consigliamo una flat per evitare salassi.

Oggi abbiamo avuto il piacere di intervistare Roy Timor Rousso, vice presidente Marketing di Fring, che ci ha parlato degli sviluppi dell'applicazione e sui suoi punti di forza. Insieme a noi ci sono stati anche altri colleghi, ed ecco cosa ne abbiamo ricavato:

Quanti utenti Fring avete nel mondo e qual è il Paese con maggiori utenti?
Mi dispiace ma non posso darvi il numero preciso di utenti che abbiamo nel mondo. Però posso condividere con voi il fatto che l'Italia è nella Top 5 e considerate che siamo presenti in 154 paesi nel mondo. Gli italiani si connettono in media 4 ore al giorno, hanno dalle 15 alle 20 sessioni di chat e hanno una conversazione telefonica superiore ai 90 secondi.

Avete registrato qualche cambiamento dopo l'offerta di H3G e Skype? Avete notato un aumento o una diminuzione del numero di download di Fring?
Abbiamo notato un leggero aumento e crediamo che sia dovuto all'accordo tra H3G e Skype, poichè hanno portato alla ribalta l'utilizzo del VoIP dalle community di telefonia su Internet ai consumatori. Credo che sia un ottimo progetto e spero ne arrivino altri simili molto presto.


Per la vostra comunicazione avete scelto un approccio virale: è una scelta strategica oppure è così perchè siete ancora in fase Beta? Quando uscirete dalla Beta, prevedete degli accordi per aumentare il vostro numero di utenti? Avremo un giorno offerte Vodafone/Fring o TIM/Fring?

Preferiamo raggiungere i nostri utenti attraverso community, blog e forum. La nostra motivazione ci spinge a interagire direttamente con gli amministratori di community per avere i loro feedback, come un intermediario verso i suoi clienti. Credo che questo sia un fattore essenziale in un'azienda moderna tra i tanti a disposizione, per non incontrare bugie così come accade nei blog. Poi puoi presentarti attraverso il tuo nome e il nome della tua azienda per accogliere pareri positivi o negativi. E per finire, il linguaggio dei PR e le loro tecniche per incontrare persone li lasciamo ai media.

Potresti parlarci del vostro modello di business?
Abbiamo diviso i nostri obiettivi in due sezioni: 1) Noi creeremo il nostro gruppo di utenti e di utilizzi. 2) Valorizzeremo il nostro marchio. L'idea è quella di avere un buon rapporto con i nostri utenti così loro si fideranno di noi quando proporremo servizi che, in un secondo momento, potremmo fare per i nostri partner (come Eutelia, WiFi, ISP VOIP e così via). In questo modo se gli utenti li utilizzeranno genereranno valore per Fring. Che sia ben chiaro però che: 1) Fring rimarrà sempre gratuito; 2) Nessuno vi obbligherà ad utilizzare dei servizi contro quelli che già utilizzate ora.

Cosa offrirà Fring? Avete in mente dei progetti in considerazione dell'iPhone e di Android di Google?
Stiamo analizzando attentamente entrambe le piattaforme e siamo in attesa che venga rilasciata l'SDK di Apple per l'iPhone.

Qual è stato il fattore motivante che lo ha spinto a intraprendere il progetto di Fring e quali sono state le prime difficoltà di realizzazione?
Crediamo che la libertà di scelta degli utenti sia la cosa più importante, e con l'IP, la nascita di nuovi dispositivi e il 3G e WiFi, gli utenti avranno sempre più possibilità di scelta, così come scelgono di far parte di una community. Crediamo che è possibile offrire un buon servizio che può essere aperto e gratuito. Fring può essere un'azienda che si auto-sostiene.

Alla luce del successo attuale cosa sarà in grado di fare fring tra 5 anni e su quale elemento intravede il maggior interessamento degli utenti?
Tra 5 anni saremo come tra 1.000 anni. Stiamo lavorando per dare supporto a più dispositivi, più servizi di comunicazione e più community, così come abbiamo fatto per Fring Widget che è possibile installare nel proprio sito o blog. Siamo molto favorevoli a permettere gli utenti di comunicare con le proprie community attraverso Fring.

Il nuovo servizio FringME permette l'interessante opportunità di integrare Google Maps a un servizio. Ci saranno altri servizi del genere?
Si ci sono molti utenti che utilizzano il widget FringME. Il traffico al nostro sito è aumentato molto dal rilascio di questo widget. Questa settimana l'Italia è stata la nazione con più accessi a Fring in tutto il mondo.

Quale sarà la prossima implementazione di Fring? Svelaci un'anteprima.
Siamo in procinto di aggiungere due nuovi network per il VoIP e li annunceremo tra qualche giorno.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: