Facebook Messenger punta a soppiantare SMS e WhatsApp

Il primo SMS è stato spedito vent’anni fa, ormai, e da allora i gestori di servizi di telecomunicazioni hanno sfruttato il sistema con grande successo.

I messaggi di testo si sono rivelati essere un campo d’interesse notevole, con margini di profitto consistenti e gli SMS non sono rimasti soli a lungo. Ben presto competitori ed alternative hanno cominciato a spuntare, prendendosi il loro spazio a gomitate.

WhatsApp, con i suoi 10 miliardi di messaggi al giorno e oltre 100 milioni di dowloads da Google Play, è sicuramente in testa ma anche altri sistemi hanno un ruolo prominente nella base di utenza che li condivide e nel numero di messaggi smistati, come ad esempio quello creato per BlackBerry che, nonostante la posizione attualmente poco felice della compagnia, continua a dare soddisfazioni a RIM.

Anche Facebook sale sulla giostra dei messaggi di testo ed i suoi propositi sono quelli di offrire un’alternativa che possa mettersi in testa alla corsa. Facebook, però, offre già un sistema di messaggeria quindi dov’è la differenza?

Semplice: il prossimo aggiornamento di Facebook Messenger non richiederà di possedere un account sul popolare social network ma sarà sufficiente scaricarlo ed inserire un nome ed un numero di telefono per poterlo utilizzare ed inviare messaggi. Questo ovviamente andrebbe a giovare quel bacino d’utenza che non può o non vuole dover registrare un account di Facebook.

La manovra risulta insolita e sembra che Facebook voglia puntare ad assicurarsi l’utilizzo della sua app al di là di quello già ormai scontato del social network.

L’aggiornamento, limitato per il momento ad Android, sarà a breve disponibile, all’inizio solo in cinque paesi quali Australia, India, Indonesia, Sud Africa e Venezuela – regioni in cui il costo degli SMS è caro e dove WhatsApp e BlackBerry hanno una solida presenza quanto a bacino d’utenza.

È già in programma, inoltre, una versione destinata ad iOS, sebbene non sia ancora stata stabilita una data.

Via | Techcrunch.com

  • shares
  • Mail