Instagram avrà il diritto di vendere le foto degli utenti

Instagram, acquisito recentemente da Facebook come parte della sua strategia per entrare più profondamente nel mondo del mobile, ha fatto sapere che presto potrà vendere le foto che gli utenti decideranno di caricare sul sito web dell'app stessa. Con i nuovi termini di uso del servizio, che entreranno in vigore a partire dal 16 gennaio prossimo, dunque, la socetà avrà tutto il diritto di vendere le foto caricate dagli utenti a terze compagnie ed altre organizzazioni, senza per questo dover dare nulla (in termini di compensazione monetaria) all'autore delle foto stesse.

Il punto incriminato del nuovo regolamento Instagram è a questa pagina, sotto la voce “Righs”, al punto 2: “you agree that a business or other entity may pay us to display your […] photos […] without any compensation to you”. Sostanzialmente, la frase conferma che gli utenti che accetteranno le nuove regole del servizio sono d'accordo al fatto che Instagram potrà “prendere soldi per dare le tue foto ad altri senza darti alcuna compensazione per questo”. Questo significa, ad esempio, che un ipotetico hotel potrà usare per le sue brochure o per il suo sito web, le foto caricate da un ignaro utente, magari mostranti anche minori.

La cosa ancor più negativa della questione è che l'unico modo per evitare questo “inconveniente” è cancellare il proprio account Instagram entro il 16 gennaio 2013. Se, per qualunque motivo, si deciderà di non farlo, allora Facebook (in quanto proprietaria della società che ha sviluppato la popolare app di fotografia) avrà automaticamente il diritto di vendere le foto caricate on line dal 16 gennaio in poi. Questo significa anche che se, ad esempio, la cancellazione del proprio profilo utente avverrà il 20 gennaio, teoricamente, le foto caricate dal 16 al 20 gennaio saranno utilizzabili.

La parola a voi nei commenti, che cosa ne pensate di questa novità?

Via | news.cnet.com

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: