Samsung, la strategia di Tizen nel 2013, Intel crede nella sfida

I consumatori amano Android, che sta spopolando ovunque grazie sopratutto alla serie Galaxy di Samsung. Contribuisce anche la fama di essere un sistema operativo aperto, anche se ci sono alcune restrizioni che impediscono ai vendor di apportare modifiche significative al sistema.

Questo aspetto ha indotto la casa Coreana a partecipare insieme ad Intel alla creazione del sistema operativo denominato Tizen, alternativa basata su Linux che è considerata molto più aperta del sistema di Google. Tizen vedrà la luce commerciale proprio in questo anno solare, ovviamente con apparecchi che vantano il marchio Samsung, e verrà inizialmente distribuito dall'operatore giapponese NTT Docomo.


Ricordiamo che questo sistema è nato dalle ceneri del progetto congiunto di Nokia ed Intel che portò alle creazione di Meego, il defunto OS presente sul Nokia N9. Lo sviluppo del nuovo SO è stato supervisionato dalla Linux Foundation ed il piano per questo progetto vede Tizen utilizzato anche su altri apparati come ad esempio Televisori e Tablet. Se dovesse superare gli scogli iniziali sarà una vera gatta da pelare per Google.

L'idea è di allestire una piattaforma nata per rivaleggiare con Android e IOS, ma con il vantaggio di essere più giovane, quindi progettato in maniera più evoluta e con l'apporto di due giganti come Intel e Samsung. Tizen sta suscitando molto interesse da parte di molti operatori Europei, tra cui Vodafone e France Telecom.

Per molti produttori è importante sottrarre gli apparecchi dalla dipendenza da Android, che esattametne come il rivale iOS è diventato troppo potente: i due OS possono influenzare il mercato a loro piacimento.

NTT Docomo è l'unico operatore Giapponese a non proporre l'iPhone, cosa che gli ha fatto perdere molti clienti. Samsung, invece, ha sempre voluto un suo sistema operativo, ed ora è forte e può tentare questa carta. Per finire, Intel ha un grande interesse a far parte della partita dei dispositivi mobili e questa può essere una buona occasione.

Per le specifiche tecniche in dettaglio non ci sono ancora informazioni, ma siamo sicuri che si vedrà qualcosa nei prossimi mesi.

Via | Mobilebloom.com

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: