CES 2013, Sony Xperia Z e Sony Xperia ZL negli hands on

Sony ha finalmente presentato il proprio smartphone di punta, il Sony Xperia Z, oggetto di rumor e speculazioni ormai da mesi, insieme al "fratello" e molto simile Sony Xperia ZL. A poche ore dalla ufficializzazione dei due telefoni abbiamo modo di vedere e riportarvi i primi hands on. A partire dal Sony Xperia Z, uno smartphone caratterizzato da un hardware che supera molti dei concorrenti attualmente nella fascia alta di mercato.

In primo luogo, il Sony Xperia Z si differenzia da molti dei dispositivi Xperia visti lo scorso anno. Pur mantenendo una parte del DNA del design tipico Xperia, sfrutta una scocca con finitura lucida che purtroppo attira tutte le impronte digitali e le macchie, ma garantisce comunque grande solidità.

Sony è stata in grado di mantenere il profilo relativamente sottile dell'Xperia Z, che ben si sposa con la robustezza della scocca impermeabile all'acqua e alla polvere. A bordo troviamo un display da 5 pollici 1080p che sfrutta il Mobile BRAVIA 2 Engine, che garantisce ottimo contrasto e vivacità dei colori, insieme a un'ampio angolo di visuale. A livello di processore troviamo uno Snapdragon quad-core da 1,5 GHz accoppiato con 2GB di RAM. Nonostante ciò, sembra che l'interfaccia utente subisca qualche piccolo rallentamento, ma è da tenere in considerazione che quello mostrato al pubblico è ancora un modello pre-produzione.

La fotocamera da 13-megapixel con auto-focus sfrutta un sensore Exmor RS, flash LED e registrazione video a 1080p. A bordo del Sony Xperia Z troviamo anche connettività 4G LTE, uno slot per schede microSD, batteria da 2330 mAh e tecnologia NFC. Nel modello pre-produzione che vediamo nel video è in esecuzione l'interfaccia utente personalizzato di Sony, una versione aggiornata di Timescape. Il sistema operativo a bordo è Android 4.1 Jelly Bean, con un aggiornamento software previsto al 4.2 dopo il lancio.

Il telefono dovrebbe arrivare sul mercato a marzo al costo di 650 euro circa.

Parlando invece del Sony Xperia ZL, i primi hands on ci permettono di capire le reali differenze che lo distinguono dall'Xperia Z e il design è il primo parametro in questo senso. Anche nel caso dell'Xperia ZL, le specifiche tecniche sono assolutamente di prim'ordine.

L'Xperia ZL è più compatto e ha una scocca più "pulita", opaca, che però non garantisce la resistenza all'acqua e alla polvere. Alcune delle altre differenze notevoli con l'Xperia Z includono un tasto dedicato per la fotocamera, un coperchio di plastica nella parte posteriore che consente l'accesso a uno slot per schede microSD e una fotocamera frontale che è posizionato in un angolo in basso a destra dello schermo.

In comune con l'Xperia Z troviamo un display da 5 pollici 1080p con Mobile BRAVIA 2, processore quad-core, LTE, fotocamera posteriore da 13 megapixel, registrazione video in qualità 1080p e sistema operativo Android 4,1 Jelly Bean con interfaccia utente personalizzata di Sony.

Il prezzo di questo telefono non è ancora noto al momento, ma secondo le prime speculazioni dovrebbe costare leggermente meno del Sony Xperia Z proprio perché non impermeabile e meno "resistente". La speranza, intanto, è che il telefono arrivi sul mercato il prima possibile per non perdere vantaggio sulla concorrenza e non mischiarsi al marasma di phablet che presto intaseranno gli scaffali dei rivenditori.

Via PhoneArena

  • shares
  • +1
  • Mail