iPhone 6 anni dopo, quando Steve Jobs cambiò la telefonia

Steve Jobs iPhone

 

Eh già chi lo avrebbe mai detto che il tempo passa così in fretta: sono passati ormai 6 anni. Era un freddo lunedì di Gennaio del 2007 quando Steve Jobs salì sul palco di uno dei suoi celeberrimi keynote al Macworld e mostrò al mondo il primo iPhone, fino ad allora solo favoleggiato da anni.

Sembrano passati secoli da quando Cupertino ha ridisegnato il modo di concepire, realizzare e vivere la telefonia mobile. Le applicazioni non esistevano, gli store online che le vendevano, a milioni se non miliardi, tanto meno.

I touch screen c'erano già, è vero, ma non erano mai stati così facili da usare, così reattivi, così belli da vedere. Sono passati 6 anni, da più di uno l'ex CEO di Apple ci ha lasciati, con molte cose in eredità, è vero, ma con un vuoto che, se ripercorriamo quello storico keynote, è sempre più ampio, più silenzioso.

Oggi, a sei anni di distanza dal 2007, le cose sono cambiate, e non poco. Abbiamo visto al CES di questi giorni i nuovi terminali per il 2013, più veloci, con schermi incredibilmente grandi e definiti (addirittura in full HD), potentissimi grazie ai nuovi processori. Tutto moto bello, non c'è che dire, ma senza Steve Jobs, senza quel keynote adesso a che punto saremmo? Quali sarebbero stati i modelli del 2013?

È vero, non lo sapremo mai ed è per questo che dobbiamo ricordarci del passato per meglio comprendere il futuro. Fra qualche anno sorrideremo di questi modelli, come adeso facciamo con quelli degli anni '90 ma non è ancora il tempo. Per ora possiamo solo dire grazie Steve, per quelo che ci hai mostrato. Era il 2007!

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: