Samsung Galaxy S3 croccante al microonde, venduto a 2.012$ su eBay


Attenzione. Le immagini che seguono non sono adatte ai deboli di cuore e potrebbero urtare la vostra sensibilità. Sarebbe giusto aspettarsi una simile frase sovrimpressa all’inizio di questo video.

Certo di dispositivi, che siano tablet o smartphone, ne vediamo maltrattati e provati piuttosto spesso. Quasi tutti i più importanti modelli sono passati attraverso confronti, shock test e prove di resistenza atti a valutare l’effettivo livello qualitativo dei materiali di costruzione.

La maggior parte delle volte l’idea non è quella di trovare lo smartphone indistruttibile ma di vedere fino a che punto gli apparecchi resistono e in quali caratteristiche risultano migliori se sottoposti a diversi tipi di sollecitazioni e stimolazioni. In alcuni casi la risposta del dispositivo è anche piuttosto interessante, come nel caso della prova di un Oppo Finder utilizzato come un martello di qualche mese fa.
Altre volte il protagonista non è nemmeno il dispositivo ed il risultato è piuttosto divertente, come per i mixer di Blendtec.

Non è questo il caso. Tra tutte le prove, questa spicca quanto a modalità ed intenti e si merita sicuramente una nota speciale per la stranezza. È il caso di un Samsung Galaxy S3 cotto al microonde, anzi, “Professionalmente cotto al microonde” stando a come definisce se stesso e il proprio lavoro il perpetratore della tortura.

Passando oltre l’evidente bizzarria (che non sempre è un difetto, beninteso) di questo personaggio, dovetastic, possessore di quello che chiama “Il teatro del microonde” – lo si vede nel video – nulla di quello che accade nel video e poi può definirsi logico.

La morte del Samsung Galaxy S3 si consuma velocemente e, dopo che il dispositivo si è squagliato prendendo fuoco, termina con un ultimo lampo di gloria che sembra soddisfare parecchio l’autore.
Dovetastic si difende dai commenti negativi dicendo che molti dei personaggi del passato reputati “non sani” sono attualmente considerati grandi artisti. Sì, perché è proprio questo il caso: lo smartphone è stato poi messo in vendita su eBay per 2012$ come un prezzo di arte pregiata e non è l’unica vittima di dovetastic che, a sua detta, viene “pagato per distruggere professionalmente cose con il microonde”.

È legittimo avere dei dubbi riguardanti le vendite di queste sue cosiddette opere d’arte.

Via | Phonearena.com

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: