WhatsApp viola le leggi internazionali sulla privacy

whatsapp viola la privacy

WhatsApp Messenger, il servizio di messaggistica istantanea più diffuso sui dispositivi mobile, è nuovamente sotto accusa. Secondo un rapporto pubblicato da Reuters, l'applicazione viola nuovamente le leggi internazionali sulla privacy.

Recentemente le autorità canadesi e olandesi, competenti in materia di protezione dei dati personali, hanno comunicato -con un comunicato stampa- che l'applicazione WhatsApp contravviene alla legge sulla privacy, in quanto può accedere liberamente alla lista dei contatti dell'utente.

Secondo la legge è stesso l'utente a dover autorizzare o meno l'accesso ai dati personali ad ogni singola applicazione. In questo caso, però, l'applicazione in questione può accedere a tutti i contatti in Rubrica, compreso quei contatti che non utilizzano questo servizio.

Questo è bastato per mobilitare le autorità canadesi e olandesi che dichiarano che l'applicazione deve necessariamente garantire la privacy all'utente. Perciò WhatsApp dovrebbe essere aggiornata in modo che sia stesso l'utente a decidere quali dati dei singoli contatti condividere (solo in riferimento a quei contatti che utilizzano l'applicazione).

Gli inquirenti hanno riferito che presto WhatsApp Inc. potrebbe essere costretta ad implementare una nuova opzione all'interno dell'applicazione, che permetta all'utente di inserire manualmente i contatti con cui scambiare messaggi (o contenuti multimediali), al contrario di ora che avviene tutto in automatico.

Via | Engadget

  • shares
  • +1
  • Mail