Mobile World Congress 2013, i grandi assenti

MWC 2013 Barcelona

 

È in pieno svolgimento il Mobile World Congress 2013 a Barcellona, come accade ormai da qualche anno, e più che le febbrili presentazioni dei costruttori presenti, e non sono pochi, si sente il rumore assordante che provoca il silenzio degli assenti.

Ma andiamo con ordine. I cinesi vanno fortissimo, con Huawei su tutti, e vogliono lasciare il segno sul futuro della telefonia mobile mondiale. Nokia mantiene un profilo basso, affidandosi ai suoi Lumia per risalire la china ma esplorando sempre le fasce media e bassa per avere una maggiore diffusione.

LG sforna la solita pletora di terminali, debutta in Italia con l’Optimus G, e ne presenta il successore in Spagna, mentre si rivede la rediviva Alcatel con modelli interessanti. Il silenzio assordante però, come spesso accade, è di Apple e Samsung, le vere superpotenze nel campo degli smartphone. La seconda non solo ha annunciato l’abbandono di Bada per favorire Tizen, chissà che non vedremo qualcosa già nel 2013, ma ha anche praticamente confermato che il 14 Marzo vedremo il top dei top: Galaxy S4 la cui ombra aleggia sulla città catalana.

Dall’altra parte c’è Apple che…non ha nulla per i prossimi giorni, forse sapremo qualcosa in marzo ma non certo dal punto di vista degli smartphone. iPhone economico e iPhone 5S dovrebbero essere i piatti forti di questo 2013 ma è ancora prestissimo per saperlo. Tutti gli altri sono ormai in pista a iniziare da BlackBerry e Sony che han giocato le loro carte, in attesa di conoscere il responso del mercato.

Presto per fare bilancio, siamo al giorno 1 a Barcellona, le novità presentate sono al solito molte e molto interessanti ma poi il mercato premia i più forti che, come detto, forse qui non sono di casa. Altro player assente, non vorremmo dimenticarcene, è Google con cui tutti dovranno fare i conti non solo dal punto di vista del sistema operativo, che interessa molti di quelli che sono al MWC, ma anche da quello dell’hardware dato che a Maggio molte altre novità si annunciano.

  • shares
  • Mail