Le autorità possono accedere liberamente ai dati dei nostri iPhone

privacy a rischio su iphone

Le autorità sono in grado di entrare in possesso dei dati personali contenuti nei cellulari dei cittadini americani, lo conferma l'American Civil Liberties Union (ACLU), una nota organizzazione orientata a difendere i diritti civili e le libertà individuali negli Stati Uniti.

L'organizzazione è riuscita ad intercettare un documento - presentato in tribunale - in merito ad un'indagine anti-droga effettuata dalle autorità competenti. Al suo interno sono presenti diverse informazioni personali estratte dall'iPhone di uno dei sospettati: il registro delle chiamate, contatti e persino le password salvate.

ACLU ha dichiarato alcuni retroscena dell'indagine in corso:

Lo scorso autunno, i funzionari di Immigration and Customs Enforcement (ICE) hanno sequestrato un iPhone dalla camera da letto di un sospettato in merito ad un'indagine anti-droga. In una singola sessione di lavoro, ICE ha raccolta una vasta gamma di dati personali dallo smartphone.

L'organizzazione sostiene che tutto ciò viola i diritti alla privacy dei cittadini, anche se in questo caso si tratta di un sospettato, richiedendo esplicitamente che venga introdotta una norma che limiti i poteri delle autorità, in quanto all'interno del cellulare vi sono dei contenuti strettamente personali di un libero cittadino.

Non è richiesto nemmeno un mandato formale del giudice per effettuare questo tipo di operazione. In conclusione, è sempre meglio impostare un codice di blocco sul proprio iPhone. Non credete?

Via | iDownloadBlog

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: