Facebook Home download anche per iOS? Un Facebook OS non è utopia

Facebook Home iOSNon si sono ancora spenti i riflettori sull’annuncio di ieri fatto da Zuckerberg. Facebook Home, lasceremmo stare per un attimo l’HTC First, una via di mezzo tra un OS, che non è , è un’applicazione, che supera di gran lunga.

Abbiamo spiegato perfettamente come funzionerà, dal prossimo 12 Aprile, e per quali telefoni sarà messo a disposizione al momento del primo download.

Android su tuti, come abbiamo più volte sottolineato e spiegato ma c’è già chi avanza ipotesi n merito ad iOS.

Anche Google farà la sua "casa"?


Un passo indietro: anche Google potrebbbe avere in serbo qualcosa di simile con la nuova Babel, forse qualcosina in più che possa integrare Now, recentemente implementato, Gmail e tutto l’universo di Big G che no è certo da meno di quello di Facebook.

Dal punto di vista del sistema contatto-centrico, come vuole essere Home, il sistema operativo migliore attualmente in circolazione pare essere Windows Phone. Se tutti si muovono in questa direzione, la stessa BlackBerry lo sta facendo, forse in maniera meno ordinata degli altri, l’unica a restare fuori, di fatto, è Apple.

iOS 7 per innovare e non restare indietro


Un sistema operativo oggettivamente piuttosto chiuso, sicuramente datato, che garantisce sì un mondo di applicazioni ma che hanno il difetto di essere molto a loro stanti. Le cose sono due: o iOS 7 rivoluzionerà l’utilizzo degli iDevice, e potrebbe essere, oppure un sistema alla Facebook Home verrà permesso anche su iOS e Zuckerberg, se non resterà irremovibile sul robottino verde, dovesse permettere anche per la mela.

Il prossimo passo un Facebook OS?


Home, sinceramente, è interessante. Forse prima di dare qualsiasi tipo di giudizio è il caso di provarla, sperando che la gamma di terminali "installabili" venga quanto prima drasticamente allargata dai ragazzi di Menlo Park, e senza dubbio è loro intenzione farlo. Gli altri dovranno giocoforza adeguarsi ma prendere atto della nuova realtà sempre più Facebook-centrica del mondo mobile e web tout court.

Se poi Google, che non ha fatto troppe storia alla novità blu, dovesse cambiare idea in un prossimo futuro, ecco che a Zuckerberg non resterebbe che fare un passo ulteriore e crearsi un sistema operativo tutto suo. Le applicazioni "amiche" già le ha, il know-how lo sta sviluppando, l’hardware non sarebbe un problema. Per adesso non ha senza dubbio interesse ma un domani?

Via | Facebook Home

  • shares
  • Mail