Rete 4G in Italia, Wind, Huawei e Sirti stringono un accordo per portarla su tutto il territorio nazionale

Wind prosegue con il progetto attraverso il quale intende costruire il suo servizio legato alla rete LTE di nuova generazione. Oggi la compagnia annuncia di aver stretto un accordo con Huawei e Sirti per portare attraverso tutta l’Italia la rete 4G ad alta velocità.



L’interesse dei vari gestori di servizi di telefonia che operano nel nostro Paese è rivolto a quello che è il futuro, e che sta diventando il presente, della connettività e della navigazione internet. Wind, Tim, Vodafone e H3G già da diverso tempo stanno lavorando alacremente e competendo per realizzare un servizio di rete Long Term Evolution e portare l’Italia al passo con la 4G.

Wind, Huawei e Sirti insieme


Già Vodafone, di recente, aveva annunciato di aver compiuto dei passi avanti nel portare la rete di quarta generazione in Italia, estendendo il servizio 4G a 21 tra le più importanti città nel nostro Paese, numero in rapida crescita da ottobre dell’anno scorso.

Wind, ovviamente, non è rimasta con le mani in mano e si è assicurata di stringere una partnership con due importanti aziende che operano nel settore mobile e della tecnologia dell’informazione. È ben conosciuto il nome della compagnia cinese Huawei, che opera a livello mondiale nello sviluppo di reti di telecomunicazione e che incontrerà la società italiana Sirti, esperta nell’impiantistica di rete, nonché Wind, molto interessata ad investire nel territorio Italiano.

L’accordo rappresenta il futuro delle telecomunicazioni italiane


Parlando di investimenti va menzionato il primo effettuato da Wind nello sviluppo di una rete 4G, quando nell’ottobre 2011 si è assicurata alcuni dei blocchi delle frequenze migliori, competendo contro gli altri gestori, con una transazione di più di 1 miliardo di euro.
Anche il prossimo conterà una cifra simile e permetterà a Huawei, leader della joint venture, e Sirti di realizzare delle infrastrutture adeguate attraverso il nostro territorio, sfruttando soluzioni realizzate in Italia.

Il portavoce di Huawei, Roberto Loiola, vede questo come:

“[…]Un nuovo significativo segnale dell'impegno comune verso l'Italia e la sua crescita industriale anche in tempi di difficile congiuntura economica. L’operazione con Wind e Sirti rappresenta, inoltre, un’ulteriore testimonianza della strategia di Huaweivolta a favorire partnership strategiche e di lungo periodo anche con aziende italiane”.

Via |Cartella Stampa

  • shares
  • Mail